Lievito alimentare in scaglie o lievito nutrizionale – VIDEO

Non è un lievito da panificazione, ma è un insaporitore perfetto per molte ricette: si trova a scaglie o a fiocchi

 

Il lievito alimentare in scaglie, detto anche lievito nutrizionale, è una lavorazione del lievito di birra: viene sottoposto a un processo di essiccazione istantanea oppure liofilizzato per impedire che perda le sue caratteristiche nutrizionali. Si ottiene dalla lavorazione del lievito di birra “basso”, ossia prodotto a una temperatura fra gli 0 e i 5°C; il lievito di birra che si utilizza durante la panificazione, invece, quello in panetti, è tratto dal lievito “alto”, ossia prodotto fra i 15 e i 20°C.

Quello alimentare non è quindi un lievito da panificazione o da utilizzare nei dolci, ma viene usato come insaporitore. Lo si trova in commercio in forma di scaglie o fiocchi ed è spesso utilizzato al posto del formaggio grattugiato nell’alimentazione vegana oppure da chi è intollerante ai latticini.

Lievito alimentare in scaglie: dove si compra

Questo lievito si acquista nei negozi di alimentazione biologica ma anche nelle erboristerie più fornite, e ovviamente online. Il prezzo di questo lievito varia dai 4 ai 10 euro circa per 500 grammi di prodotto.

Proprietà e controindicazioni

Fonte ricchissima di proteine, vitamine del gruppo B, fibre e ferro, il suo consumo può avere, inoltre, effetti benefici sulla flora batterica intestinale, sulla pelle, sulle unghie e sui capelli. Integrare l’alimentazione con lievito di birra, migliora l’utilizzazione cellulare del glucosio, facilitando nel contempo l’azione dell’insulina. Nonostante il lievito alimentare contenga una percentuale di vitamina B12, questo non può essere ritenuto una fonte affidabile di questa vitamina, che va quindi sempre integrata. È necessario, inoltre, non esagerare con il suo consumo, perché potrebbe creare una reazione di intolleranza ai lieviti. Da sottolineare, poi, che il suo impiego è sconsigliato a chi soffre di Candida o di disturbi dovuti alla proliferazione di questo fungo dal momento che, come tutti i lieviti, anche quello in scaglie va a nutrire la Candida creando – in chi è predisposto – problemi di gonfiore intestinale e altri fastidi.

Come si usa il lievito alimentare?

Il lievito alimentare è un buon integratore naturale: aiuta anche nei periodi di affaticamento e spossatezza. Il consumo consigliato è di massimo 3-5 cucchiaini al giorno (un cucchiaino corrisponde a 5 grammi). È meglio utilizzarlo a crudo affinché mantenga le sue proprietà organolettiche, magari spolverizzato su pasta, riso, lasagne, cereali, insalate o all’interno di ripieni. Può essere usato anche all’interno degli impasti, come nella nostra torta salata di patate con cime di rapa e topinambur così come nelle frolle salate, per dare ulteriore corpo e gusto all’impasto. Ovviamente, in questo caso, verrà utilizzato per il sapore e non per le sue proprietà nutritive.

-->
Print Friendly
0
Mostra commenti (0)