Torta rovesciata di mele alla cannella

Torta rovesciata di mele alla cannella

Appena rientrata dalla Val Venosta, sono stata contagiata dall’amore per i dolci rustici. La grande offerta di gustosissime mele mi ha spinto a creare questa torta rovesciata di mele alla cannella, un dolce estremamente facile da preparare e ottimo come merenda dopo aver fatto sport in mezzo alla natura.

Le torte di mele, in generale, piacciono tantissimo, e dopo aver visto dove vengono coltivate sono ancora più felice di prepararla per i miei clienti in versione vegan, quindi più leggera e digeribile.

Ingredienti:

– 100 g di farina di grano saraceno
– 100 g di farina 0
– 100 ml di latte di riso
– un vasetto di yogurt di soia al naturale
– 80 ml di olio di semi di girasole
– 100 g di nocciole tritate
– 50 g di mandorle tritate
– 100 g di zucchero di canna
– 50 g di uvetta sultanina
– una bustina di lievito per dolci
– 3 mele BIO
– succo di mezzo limone
– 1 cucchiaio di cannella

Procedimento:

Tagliare a fettine due mele e mettere in una ciotola con 2 cucchiai di zucchero, un po’ di cannella e il succo di mezzo limone.
A parte mischiare insieme tutti gli ingredienti solidi, poi aggiungere quelli liquidi e miscelare bene, infine aggiungere una mela a dadini e l’uvetta precedentemente messa a bagno in acqua tiepida.
Riempire la base di uno stampo in silicone di diametro 22 cm. con le mele tagliare e il loro brodo, coprire con l’impasto e cuocere in forno a 180° per corda 40 min.
Lasciare raffreddare e poi capovolgere.
Decorare con fettine di mela essiccate e una spolverata di cannella.

 

Consiglio:

Se utilizzate mele biologiche potete utilizzarle con la buccia anche nei dolci.

Insieme

Con il 2021 ci piacerebbe continuare a produrre contenuti, informazione di alta qualità, ricette meravigliose e permettere a sempre più persone di acquisire maggiore consapevolezza su questi temi: possiamo farlo insieme, se vuoi.
Abbonandoti a Vegolosi MAG, la nostra rivista mensile digitale, potrai goderti ricette inedite e contenuti giornalistici di alta qualità e al tempo stesso sostenere Vegolosi.it. Iniziamo da qui.

Print Friendly
0