Spaghetti di grano saraceno con coste e pomodori secchi

Una gustosissima spaghettata con una pasta al grano saraceno che regala a questo piatto una marcia in più

Stampa

Spaghetti di grano saraceno con coste e pomodori secchi

Se avete voglia di una bella spaghettata ma con un tocco di originalità, questi spaghetti al grano saraceno con coste e pomodori secchi sono ciò che fa al caso vostro. Il grano saraceno conferisce alla pasta un sapore molto particolare, e il ricco condimento è insaporito oltre che con i pomodori secchi anche con capperi ed erbe aromatiche. Ma manca ancora il tocco finale: una generosa spolverata di briciole di pangrattato tostato.

    Autore: Sonia Maccagnola
    Prep.: 15 min
    Cottura: 25 min
    Tempo tot.: 40 min
    Dosi per: 4 persone

Ingredienti

  • 350 g spaghetti al grano saraceno
  • 1 mazzo di coste (circa 500 g)
  • 34 pomodori secchi
  • 2 cucchiai di capperi
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 cucchiaino di origano
  • 1 cucchiaino di timo
  • 4 cucchiai di pangrattato integrale

Si cucina!

Cuociamo le coste

Lavate e pulite le coste, assottigliate i gambi tagliandoli in 3 per il lungo e divideteli in pezzi di 5-6 cm insieme alle foglie. Sbollentate in acqua bollente leggermente salata prima i gambi per 5 minuti, poi aggiungete anche le foglie e proseguite la cottura per altri 5 minuti. Scolate le verdure e tenetele da parte.

Prepariamo il condimento per la pasta

In una padella grande scaldate un po’ d’olio con lo spicchio d’aglio sbucciato, il timo e l’origano, tenendo la fiamma bassa in modo che le erbe aromatiche infondano bene il loro profumo all’olio. Sciacquate i capperi e tritateli grossolanamente insieme ai pomodori secchi, e uniteli in padella con 2-3 cucchiai di olio di conservazione dei pomodori secchi. Lasciate soffriggere il tutto per qualche minuto, poi versate in padella anche le coste e saltatele 7-8 minuti per farle insaporire bene. Regolate di sale.

Lessiamo la pasta e impiattiamo

Mescolate il pangrattato con due cucchiai di olio e tostatelo in un padellino fino a che diventerà bello dorato. Nel frattempo lessate in abbondante acqua salata gli spaghetti, lasciandoli al dente. Scolateli e aggiungeteli al condimento insieme a mezzo mestolo della loro acqua di cottura. Saltate il tutto il tempo necessario per far asciugare l’acqua, facendo però attenzione a lasciare un bel sughetto. Impiattate gli spaghetti ben caldi e servite ogni porzione con un’abbondante spolverizzata di pangrattato tostato.

Conservazione

Potete conservare la pasta avanzata in frigorifero in un contenitore per alimenti per un paio di giorni. Al momento del consumo saltate in padella la pasta con un goccio di olio e di acqua.

Consiglio per i vegolosi: Per una versione senza glutine usate gli spaghetti realizzati con sola farina di grano saraceno ed eliminate le briciole di pangrattato

Print Friendly

Le altre ricette video

0
Mostra commenti (0)