Pesto alla genovese vegano

Il sugo simbolo della Liguria, qui in chiave cruelty-free: il pesto vegano è una delizia sulla pasta, ma è ottimo praticamente in ogni piatto

pesto alla genovese vegano
Stampa

Pesto vegano

Un classico della tradizione ligure noto e apprezzato in tutto il mondo, qui rivisitato in chiave 100% vegetale: il pesto alla genovese vegano è un sugo delizioso, ideale per condire la pasta ma perfetto anche nelle torte salate, per insaporire le zuppe o per condire un piatto di patate lesse o al forno.

    Autore: Vegolosi.it
    Prep.: 20 min
    Tempo tot.: 20 min
    Dosi per: 4 persone

Ingredienti

Si cucina!

Prendete un mortaio di marmo e un pestello e iniziate lavorando lo spicchio d’aglio sbucciato e qualche grano di sale grosso, fino a renderli una crema. A questo punto aggiungete i pinoli e continuate a pestare.

Dopo aver lavato e asciugato perfettamente le foglie di basilico con un panno morbido, aggiungetele nel mortaio insieme a qualche grano di sale grosso e, con movimenti circolari, continuate a pestare.

Continuando a mescolare, aggiungete poi il lievito alimentare e l’olio, a filo, poco alla volta.

Iscriviti alla newsletter e ricevi subito l'ebook gratis

Quattro ricette MAI pubblicate sul sito che potrai scaricare immediatamente. Puoi scegliere di ricevere una ricetta al giorno o una newsletter a settimana con il meglio di Vegolosi.it.  Iscriviti da qui.

Conservazione

Una volta amalgamati tutti gli ingredienti, potete conservare il pesto in frigorifero fino a dieci giorni coperto di olio di oliva in superficie. Oppure potete metterlo in freezer e poi scongelarlo a temperatura ambiente.

Consiglio per i vegolosi: potete sostituire i pinoli con lo stesso quantitativo di mandorle o noci.

Insieme

Abbonarsi a Vegolosi MAG, la nostra rivista mensile digitale, ti permetterà di goderti ricette inedite, contenuti giornalistici di alta qualità e al tempo stesso sostenere Vegolosi.it e il lavoro facciamo ogni giorno per permettere a sempre più persone di acquisire maggiore consapevolezzaSe vuoi, puoi farlo da qui.

***

Non ora ma ricordamelo!

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica qui sotto e ti invieremo un massimo di due email, nei prossimi 30 giorni.

Print Friendly
0