Cardamomo: ricette, usi in cucina e proprietà

Il cardamomo è una spezia originaria dell’Asia tropicale, si può utilizzare per aromatizzare dolci (soprattutto al cioccolato) oppure tè e caffè

Cardamomo - ©Vegolosi.it

Il cardamomo – il cui nome scientifico è Elettaria Cardamomum – è una spezia originaria dell’Asia e molto usata nella cucina orientale. Con il nome “cardamomo” si indicano tre piante differenti sia per sapore, sia per utilizzo: il cardamomo verde (il “vero cardamomo”), il cardamomo di Ceylon e quello nero. Il più pregiato e utilizzato in cucina è quello verde, coltivato e raccolto nelle foreste pluviali dell’India meridionale e dello Sri Lanka, spesso anche sul ciglio di burroni o sotto alti alberi tropicali.

I frutti del cardamomo sono piccoli baccelli ovali (simili a bacche) di colore verde pallido, che racchiudono dei piccoli semini neri. Sono proprio questi ultimi a venire utilizzati in cucina, essiccati, per conferire alle varie preparazioni un aroma caratteristico e inconfondibile. Da ricordare, inoltre, che il cardamomo è alla base del curry e del garam masala, miscele di spezie tipiche della cucina orientale.

Cardamomo: ricette e usi in cucina

Riso iraniano con frutta secca e spezie

Questa spezia trova largo impiego in cucina, sia nelle ricette dolci che in quelle salate. Qualche esempio? Noi lo abbiamo usata per aromatizzare dei primi piatti, come il nostro riso iraniano con frutta secca e spezie, coloratissimo e profumato, ma è perfetta anche per preparare un ottimo curry di zucca oppure del riso basmati integrale con uvetta e spezie. Nei dolci, invece, si abbina perfettamente al cioccolato: noi lo abbiamo usato nei mini muffin al caffè e cioccolato, ottimi a colazione e merenda, ma anche nella crema che farcisce delle deliziose crostatine al cacao. Ottimo anche in accostamento all’arancia, come nei nostri biscotti all’arancia candita, il cardamomo può essere utilizzato, filtrandolo, anche per profumare il caffè e il tè (come accade in Nord Africa).

Cardamomo: dove trovarlo

Premesso che il cardamomo è la terza spezia più rara (e, di conseguenza, più cara) al mondo dopo lo zafferano e la vaniglia, può essere acquistato facilmente al supermercato – in polvere o in semi interi – o nei negozi di alimentazione biologica ma anche online, a un prezzo di circa 8 euro per 100 grammi.

Proprietà del cardamomo

Oltre che in cucina, questa spezia trova impiego anche nei rimedi fitoterapici: l’olio essenziale di cardamomo – disponibile online – è infatti considerato utile per combattere mal di stomaco e mal di testa (con applicazioni topiche sulle parti interessate) ma anche per combattere l’alitosi, con dei risciacqui. In cosmesi, invece, questo olio essenziale è usato per regolare la produzione di sebo nelle pelli miste.

Curiosità

Conosciuto e utilizzato già dai romani e dai greci, il cardamomo arrivò in Europa lungo le via carovaniere, anche se veniva utilizzato soprattutto come ingrediente per i profumi. Nelle “Mille e una notte” viene citato spesso come spezia afrodisiaca e nel Kashmir le spose portano al polso alcuni semi di questa pianta come simbolo del nutrimento ristoratore che offriranno al marito.

Print Friendly

Le altre ricette video

0
Mostra commenti (0)