Come cucinare il seitan: tecniche per gustare il cibo proteico vegano per eccellenza

Il seitan è un alimento di origine completamente vegetale e dalla storia antica, ed è, diciamolo pure, decisamente molto più buono che bello da vedere. Si tratta di uno dei cibi proteici più interessanti e una percentuale molto bassa di grassi; può essere utilizzato in cucina con alcune modalità che ricordano la carne (spezzatino, cotolette, arrosto, affettato) ma non è un feticcio di quest’ultima ed inoltre deve essere sempre utilizzato con moderazione poiché è a base solo di glutine (al massimo un paio di volte alla settimana) ed integrato con altri alimenti (come cereali e legumi) per bilanciare l’assenza in questo prodotto di alcuni amminoacidi limitanti. Vediamo insieme alcune “tecniche” per cucinare il seitan, questo alimento lontano dalla nostra cultura alimentare ma che ormai troviamo con facilità anche nella grande distribuzione.

  • Medaglioni di seitan

    Con una base di soffritto semplicissima (olio EVO, sale e cipolla) potete passare le fette di seitan in padella e accompagnarle con tutte le verdure che preferite: dalle patate, ai broccoli, dai fagioli, ai ceci. Favoloso, anche a livello nutrizionale, l’abbinamento con i legumi.

  • Scaloppine

    Il seitan si presta ad essere cotto anche con questo taglio. Una opzione sono le classiche scaloppine di seitan con limone e olive. Impanate il seitan con della farina (magari di ceci), soffritto di base, succo di limone a portata di mano e olive verdi. Una volta fatto saltare in padella, bagnate il seitan con il limone, fatelo evaporare per bene e aggiungere le olive.

  • Seitan impanato

    Non poteva mancare un consiglio dedicato alla frittura. Non c’è niente da fare, la panatura rende eccezionale (ancora più del solito) questo alimento. Realizzatela con una base di farina (anche di ceci) e pan grattato fine. Friggete in poco olio e gustate. Da applauso.

  • Ragù di seitan

    Questa non ve l’aspettavate, dite la verità? Ma il seitan una volta tritato più o meno finemente al coltello, oppure con un tritatutto, insieme a carota, sedano e cipolla, diventa la base per un ragù da urlo. Un’amica di Vegolosi ha raccontato di averlo servito ad un incredula nonna siciliana che non si era accorta della differenza con quello classico. Provate anche voi: riuscirete ad “ingannare” amici, fidanzati/e riluttanti e bambini. Qui trovate una ricetta perfetta!

  • Polpette veg

    Potendolo tritare, ovviamente, il seitan si presta ad essere “polpettizzato” (una delle forme preferite dai Vegolosi, fra l’altro). Mescolato con verdura, pangrattato, uvetta, frutta secca, il seitan diventerà il vostro nuovo “must-have” per aperitivi e finger food. Provate questa ricetta, c’è anche il video!

  • Spezzatino di seitan

    Tagliate a tocchettoni grossi le fette si seitan e viaggiate con la fantasia. Un abbinamento delizioso è con la frutta leggermente aspra come le mele verdi, oppure con dell’ananas. Potete poi aggiungere semi come noci, anacardi, arachidi e sesamo per rendere il tutto ancora più appetitoso. Altra possibilità è spezzatino di seitan con un classico sugo di pomodoro con i piselli.

  • A crudo

    Il seitan è un alimento precotto. Per questa ragione è possibile gustarlo anche a dadini o straccetti condito con olio, sale e limone oppure come complemento di una ricca insalata insieme a carote, sedano, finocchio, verza, insomma verdure croccanti che ne bilancino la consistenza morbida.

Print Friendly
Mostra commenti (0)