Come fare gli hamburger vegani

Ecco come preparare da soli dei burger di legumi e di verdura con tutti gli accorgimenti: dagli addensanti, gli ingredienti per impanare, gli stili di cottura e gli ingredienti migliori

hamburger vegani

Con un contorno di patatine e con le salse giuste nessuno può resistere a un buon burger. Soprattutto se è veg! I burger vegetali, che non sono altro che delle grandi polpette schiacciate, sono un piatto semplice, ma che può essere sempre molto originale da preparare dando spazio alla creatività e alle infinite combinazioni di sapori. Ecco come fare burger vegani!

Gli impasti

Le variazioni sul tema sono praticamente infinite: la scelta da prediligere è quella di creare un burger dall’apporto di nutrienti bilanciato. Per un pieno di proteine, i burger di quinoa e lenticchie sono perfetti, oppure una combinazione di seitan e fagioli rossi, o ancora tofu e spinaci. Se invece si vogliono mangiare le verdure in modo diverso, i burger sono una variante decisamente sfiziosa: pensiamo ai burger di zucchine, di cavolfiore o di melanzane solo per farne alcuni esempi.

Gli ingredienti che legano

Alcune varianti di burger più di altre hanno la necessità di uno o più ingredienti che aiutino l’impasto a stare insieme, senza che si sfaldi e che rendano il composto “manipolabile” quando dovremo formare i nostri burger.

Patate: lessate al punto giusto, e poi schiacciate, le patate sono ottime per addensare il nostro composto, grazie all’amido in esse contenute e alla loro capacità di assorbire l’acqua. Inoltre daranno una consistenza soffice e asciutta ai nostri burger, senza renderli secchi.

Legumi: oltre ad essere un ingrediente base per i nostri burger per un pieno di proteine, frullati, così come le patate, riescono ad assorbire l’acqua in eccesso e rendere morbido il composto.

Farina: le farine sono sempre un elemento legante, quelle che si prestano maggiormente sono quelle di legumi, come la farina di ceci o di soia. La farina 0 invece può essere utilizzata come “panatura”, una volta creati i burger ripassateli nella farina, così, in cottura formerà una croccante crosticina, davvero deliziosa!

Quinoa: bollita la quinoa, oltre ad essere un ingrediente prezioso se combinato con i legumi, se frullata è l’ingrediente legante per eccellenza. Grazie alla sua consistenza “collosa” riesce a legare davvero qualsiasi tipo di impasto.

Pangrattato: come le farine, il pangrattato aiuta a legare ma anche a creare una panatura croccante ai nostri burger. A seconda del pane utilizzato il sapore potrà essere più o meno ricco.

Cottura

Se preferite una cottura light, il forno è il metodo più indicato. La cottura consigliata è a 180° (max 200°), su una leccarda ricoperta con carta forno, in forno statico, in modo che i burger non si secchino, fino a quando non si saranno dorati da entrambe le parti. Altrimenti, se avete voglia di qualcosa di più goloso, potete cuocerli in padella con un filo d’olio extravergine d’oliva per 5/6 minuti per lato, fino a quando non si sarà formata una leggera crosticina. Per ottenere una via di mezzo, per non sentirci troppo in colpa friggendo, prima di infornare i burger potete spennellarli in superficie con un po’ d’olio.

Come conservarli

Il consiglio è quello di preparare burger in abbondanza così da poterli conservare e averli sempre pronti all’uso. L’ideale è metterli nel freezer avendo cura di separarli l’uno con l’altro con della carta forno, in modo da poter tirare fuori, di volta in volta, la quantità necessaria.

 

Print Friendly
Mostra commenti (0)