Pasta integrale con cavolfiore e tempeh speziati

Una pasta rapidissima da preparare resa speciale dal mix di spezie usato: garam masala, semi di coriandolo, zenzero e aglio

Stampa

Pasta integrale con cavolfiore e tempeh speziati

La pasta integrale con cavolfiore e tempeh speziati è un primo piatto facilissimo da realizzare in cui tutto il lavoro viene fatto dal mix di spezie, che danno sapore e carattere al sugo. Noi abbiamo scelto una combinazione di garam masala, semi di coriandolo, zenzero e aglio, che si sposano benissimo con i cavolfiori, ma voi potrete scegliere il misto che più vi ispira.

    Autore: Sonia Maccagnola
    Prep.: 10 min
    Cottura: 20 min
    Tempo tot.: 30 min
    Dosi per: 4 persone

Si cucina!

Prepariamo tutti gli ingredienti

Lavate, pulite e dividete il cavolfiore in cimette piccole, poi tagliate a cubetti il tempeh. Pestate i semi di coriandolo in un mortaio fino ad ottenere una polvere. In un’ampia padella versate un po’ di olio extravergine d’oliva e unite il garam masala, il coriandolo, lo zenzero e l’aglio. Accendete la fiamma e fate scaldare.

Saltiamo il tempeh e il cavolfiore

Una volta che l’olio è caldo aggiungete i cubetti di tempeh e fateli rosolare. Unite poi anche le cimette di cavolfiore, salate, pepate e cuocete 10 minuti a fiamma media, fino a che il cavolfiore si sarà leggermente ammorbidito e dorato.

Condiamo la pasta

Lessate la pasta in abbondante acqua salata e scolatela al dente. Saltatela in padella insieme al condimento per 1-2 minuti per farla insaporire bene, aggiungendo se necessario un goccio di acqua di cottura della pasta o di olio se risultasse troppo asciutta. Impiattate e servite subito.

Conservazione

Potete conservare questa pasta 2-3 giorni in frigorifero in un contenitore per alimenti fornito di coperchio. Al momento del consumo potete scaldarla in padella qualche minuto o in forno a microonde.

Consiglio per i vegolosi: Il condimento di questa pasta a base di tempeh e cavolfiori alle spezie può in alternativa essere servito come gustosissimo secondo.

Print Friendly
0
Mostra commenti (0)