Pane dolce vegan con farina di ceci e spezie

Una torta speziata a base di farina di ceci, ottima a colazione o per la merenda, da sola o accompagnata con marmellata o creme spalmabili

pane dolce vegan
Stampa

Pane dolce vegan con farina di ceci e spezie

Ecco a voi la ricetta per una torta particolare e diversa dal solito, poco dolce e per questo più simile a un “pane”, ma molto nutriente grazie alla farina di ceci. Da gustare da sola o insieme a marmellate, creme spalmabili al cacao o, perché no, farcita con della crema pasticcera senza uova.

    Autore: Valeria Clemente
    Prep.: 5 min
    Cottura: 40 min
    Tempo tot.: 45 min
    Dosi per: 4 persone

La ricetta illustrata in questa pagina è stata scritta da una blogger e non è dunque stata ideata, cucinata e testata dalla redazione di Vegolosi.it


Ingredienti

  • 100 g di farina di ceci
  • 100 di di farina di grano tenero integrale
  • 50 g di farina di grano tenero tipo 0
  • 1 cucchiaio di fecola di patate
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato
  • 1 cucchiaio di semi di chia
  • 2 cucchiai di nettare dei fiori della palma da cocco
  • 1 cucchiaio di zenzero in polvere
  • 1 cucchiaio di curcuma in polvere
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • 50 g di olio di semi di girasole bio spremuto a freddo
  • acqua q.b.

Si cucina!

In una terrina setacciate le farine, aggiungete poi la fecola, le spezie, il bicarbonato e i semi di chia. In un pentolino  intiepidite circa 150 ml di acqua e sciogliete al suo interno i 2 cucchiai di nettare di cocco. Versate l’acqua dolcificata nella terrina con le farine, aggiungete l’olio e mescolate. Solo alla fine aggiungete il lievito. Dovrete ottenere un composto semiliquido piuttosto omogeneo e consistente. Eventualmente aggiungete ancora un po’ di acqua.

Oliate e infarinate uno stampo per torte del diametro di circa 23 cm. Infornate a 180°C e cuocete per circa 40 minuti o secondo le indicazioni del vostro forno. Il risultato sarà una torta bassa, dal buon contenuto proteico, ottima a colazione o per la merenda.

Print Friendly
0
Mostra commenti (0)