Miglio alle nocciole

Il miglio alle nocciole è un dolce vegan veloce e molto energetico. Ideale per una buona colazione, per iniziare la giornata con il sorriso

Tortino vegano di miglio alle nocciole

 

Stampa

Miglio alle nocciole

Il miglio alle nocciole è un dolce vegan veloce e molto energetico. Ideale per una buona colazione per iniziare bene la giornata, ma anche come dessert per finire un pasto con gioia. Lo stesso composto può essere utilizzato anche per preparare una torta.

    Autore: Cristiano Bonolo
    Prep.: 15 min
    Cottura: 15 min
    Tempo tot.: 30 min
    Dosi per: 4 persone

Ingredienti

Si cucina!

Il miglio

In un pentolino versate il miglio e ricopritelo con il latte di nocciole. Fate cuocere a fiamma alta sino a bollore e poi abbassate la fiamma, continuando a cuocere fino a che il liquido non si sarà tutto assorbito.

Uniamo gli altri ingredienti

A parte tritate grossolanamente i fichi e le nocciole mentre grattugiate la fava di Tonka. Al termine della cottura, aggiungete al miglio tutti gli ingredienti quindi la farina di cocco, lo sciroppo di agave, la cannella, le nocciole, i fichi e la fava di Tonka. Mescolate energicamente per incorporare tutti gli ingredienti.

Versiamo e aspettiamo

Versate il composto ottenuto in coppette da muffin o in stampini per budino e lasciate raffreddare. Servite il miglio tiepido o freddo decorando con una spolverizzata di cacao e nocciole tritate

Conservazione

Questo dolce si conserva 2-3 giorni in frigorifero.

Consiglio per i vegolosi: Potete sostituire le nocciole con delle mandorle, aggiungere il cacao direttamente in cottura del miglio. Se non avete le fave di Tonka andrà benissimo anche della vaniglia in polvere!

Insieme

Con il 2021 ci piacerebbe continuare a produrre contenuti, informazione di alta qualità, ricette meravigliose e permettere a sempre più persone di acquisire maggiore consapevolezza su questi temi: possiamo farlo insieme, se vuoi.
Abbonandoti a Vegolosi MAG, la nostra rivista mensile digitale, potrai goderti ricette inedite e contenuti giornalistici di alta qualità e al tempo stesso sostenere Vegolosi.it. Iniziamo da qui.

Print Friendly
0