Vellutata crudista viola con cavolfiore e cavolo cappuccio

Una vellutata senza cottura dal fantastico colore viola e dal sapore leggermente piccantino grazie al cavolo cappuccio e allo zenzero

Stampa

Vellutata crudista viola con cavolfiore e cavolo cappuccio

La vellutata crudista viola con cavolfiore e cavolo cappuccio è una morbida crema di verdure senza cottura, leggera e super gustosa, che potete servire come piatto unico detox oppure come antipasto per iniziare con un tocco di salute un pasto. Il sapore forte dei cavolfiori e del cavolo cappuccio è stemperato dalle carote e dal timo, e il tutto è condito con succo di limone e di zenzero.

    Autore: Sonia Maccagnola
    Prep.: 10 min
    Tempo tot.: 10 min
    Dosi per: 4 persone

Si cucina!

Prepariamo la vellutata

Lavate bene tutte le verdure, eliminando eventuali foglie brutte del cavolo cappuccio e sbucciando le carote. Tagliatele a pezzi e versatele nel frullatore insieme a sale, pepe, garam masala, timo e acqua. Azionate e frullate il tutto fino ad ottenere una vellutata liscia e omogenea.

Condiamo e serviamo

Lavate bene e grattugiate lo zenzero, raccogliete la polpa ottenuta e spremetela con le mani in modo da ricavarne il succo. Condite la vellutata con il succo del mezzo limone e succo di zenzero a piacere. Impiattate e completate ciascuna porzione con la granella di nocciole e alcune foglie di timo.

Conservazione

Potete conservare questa vellutata crudista 1-2 giorni in frigorifero in un contenitore per alimenti fornito di coperchio.

Consiglio per i vegolosi: Se non trovate gli ortaggi viola indicati in questa ricetta nulla vi vieta di sostituirli con le loro versioni "normali", il colore sarà ovviamente diverso ma il sapore sarà buonissimo lo stesso.

Print Friendly
0
Mostra commenti (0)