Grano saraceno piccante con puntarelle e olive – Video

Un primo di carattere che sfrutta il sapore deciso di uno pseudo cereale, il grano saraceno, forse ancora si conosce troppo poco

Stampa

Grano saraceno con puntarelle e olive

Il grano saraceno con puntarelle e olive è un primo piatto dal sapore forte e deciso, leggermente amarognolo, un po’ piccantino e il tutto è rinfrescato dal limone. Pochi ingredienti che però danno vita a un sapore unico e ben bilanciato. Il grano saraceno inoltre è uno pseudocereale privo di glutine, per cui questa è una ricetta adatta anche a chi, per necessità o per scelta, ha eliminato il glutine dalla propria alimentazione.

    Autore: Sonia Maccagnola
    Prep.: 10 min
    Cottura: 30 min
    Tempo tot.: 40 min
    Dosi per: 4 persone

Si cucina!

Cuociamo il grano saraceno

Versate il grano saraceno in un colino a maglie fitte e sciacquatelo bene sotto l’acqua corrente. Riponetelo in una pentola capiente e copritelo con l’acqua. Portate a bollore, aggiungete il sale grosso, coprite con un coperchio e abbassate la fiamma al minimo. Lasciate cuocere per 20 minuti fino a completo assorbimento dell’acqua. Spegnete la fiamma e se avete tempo lasciate riposare il grano saraceno per 10 minuti.

Saltiamo le puntarelle

Nel frattempo lavate e tagliate a bastoncini le puntarelle. Soffriggete le olive e una spolverata di peperoncino in un po’ d’olio. Unite le puntarelle e cuocetele per 10 minuti, insieme ai semi di girasole o di zucca e un pizzico di sale, fino a che saranno cotte ma ancora croccantine. Quando il condimento è pronto versatevi il grano saraceno precedentemente sgranato con un cucchiaio di legno, e saltate il tutto per un paio di minuti per far insaporire il grano saraceno. Servite e completate ogni piatto con una spruzzata di succo di limone e volendo un goccio d’olio a crudo. Consumate caldo o tiepido.

Conservazione

Questo piatto può essere conservato 2-3 giorni in frigorifero ben chiuso in un contenitore per alimenti. Al momento del consumo potete scaldarlo al microonde oppure saltandolo in una padella con un filo d’olio o acqua.

Consiglio per i vegolosi: Questo condimento è perfetto anche con altri cereali, provatelo ad esempio con l'orzo

Print Friendly
0
Mostra commenti (0)