Confettura vegan d’uva con sciroppo d’acero

confettura vegana

Questa confettura vegan d’uva ci  regala i  sapori e le atmosfere che si tingono dei colori della terra. Ottima a colazione, ma anche a merenda spalmata sul pane caldo. Deliziosa sui formagetti vegani.

Ingredienti
1 kg di uva (bianca e nera)
200 ml di sciroppo d’acero
il succo di un limone

Preparazione
Lavate bene l’uva e iniziate a togliere i semini di ogni acino. Uno per uno… Mettetevi comodi perchè ci vorrà tempo. Quando avrete terminato mettete l’uva in una pentola e iniziate a cuocerla. Dopo 10 minuti , evaporata e più morbida, frullatela col minipimer e pesatela.

La mia resa è stata di circa 700 g e a quel punto ho aggiunto il succo del limone e lo sciroppo d’acero nella giusta proporzione per una corretta conservazione.

Considerate che di solito la proporzione zucchero/frutta (al netto dell’evaporazione ) è 1:2. Io ho optato per la proporzione 1:3 perchè lo sciroppo è più dolce dello zucchero e l’uva era già dolcissima di suo.
Vi consiglio di aggiungere man mano lo sciroppo e regolarvi in base al vostro gusto. Iniziate la cottura a fuoco lento mescolando spesso con un cucchiaio di legno. Io ho portato avanti la cottura della confettura vegan per quasi mezz’ora, poco più.

Quando la marmellata si è addensata mettete subito nei vasetti ben sterilizzati e chiudete col tappo. Mettete sottosopra i vasetti e trascorsi 5 minuti capovolgeteli di nuovo nel senso giusto.

La confettura vegan è pronta!

Non è mia abitudine preparare tanti vasetti perchè preferisco consumarla e regalarla per un consumo rapido. Diciamo entro un paio di mesi massimo. Con 1 kg di uva ho realizzato circa 600 g di confettura.

Insieme

Con il 2021 ci piacerebbe continuare a produrre contenuti, informazione di alta qualità, ricette meravigliose e permettere a sempre più persone di acquisire maggiore consapevolezza su questi temi: possiamo farlo insieme, se vuoi.
Abbonandoti a Vegolosi MAG, la nostra rivista mensile digitale, potrai goderti ricette inedite e contenuti giornalistici di alta qualità e al tempo stesso sostenere Vegolosi.it. Iniziamo da qui.

Print Friendly
0