Burro di aquafaba

Un burro fatto in casa 100% vegetale dal sapore delicato, realizzato con una base di aquafaba e olio di cocco

Burro di aquafaba

Stampa

Burro di aquafaba

Una preparazione a base di aquafaba, olio di cocco e altri oli che frullati insieme e lasciati raffreddare in frigorifero in uno stampino danno forma a una sorta di burro morbido, dal leggero retrogusto di cocco, ideale per preparazioni dolci o che possano sposarsi con il sapore di questo frutto. Vi consigliamo di provarlo spalmato su fette di pane tostate, con anche un filo di confettura, magari di ciliegie o fragole, ideali per la prima colazione.

    Autore: Sonia Maccagnola
    Prep.: 5 min + 60 min (di riposo)
    Tempo tot.: 5 min + 60 min (di riposo)
    Dosi per: 130 g di burro

Si cucina!

Come prima cosa sciogliete l’olio di cocco a bagnomaria o al microonde, aggiungete gli altri due tipi di olio e lasciate intiepidire. Nel bicchiere alto del minipimer versate l’aquafaba, un pizzico di sale, l’aceto di mele e la curcuma e iniziate a frullare con il frullatore ad immersione. Unite poi a filo, sempre continuando a frullare, gli oli fino ad incorporarli all’aquafaba.

Formiamo il panetto

Lasciate raffreddare il composto a temperatura ambiente, poi trasferitelo in una ciotolina rivestita di pellicola e riponete in frigorifero almeno un’ora a rapprendersi. Il vostro burro è ora pronto per essere spalmato su una bella fetta di pane, accompagnato magari da un cucchiaio di marmellata.

Conservazione

Potete conservare questo burro di aquafaba 4-5 giorni in frigorifero, ben chiuso in un contenitore per alimenti.

 

Consiglio per i vegolosi: Se lo trovate provate a sostituire l'olio di semi di girasole con l'olio di canola.

Print Friendly
0
Mostra commenti (0)