Ciliegie: come conservarle, ricette vegane e proprietà

“Una tira l’altra”, si dice. E chi riesce a fermarsi davanti a una ciotola piena di ciliegie succose e dolcissime? Scopriamo insieme come conservarle e alcune ricette vegane per gustarle al meglio

Ciliegie

La ciliegia è il frutto del ciliegio (nome scientifico Prunus avium), pianta ottenuta dall’ibridazione ripetuta di diverse specie. Il tipico frutto primaverile/estivo, che non può mancare tra gli spuntini e i pic-nic della bella stagione, appartiene alla famiglia delle Rosacee, esattamente come le fragole. Originario della regione caucasica e dell’Asia Minore, era diffuso in Europa già prima della comparsa dell’agricoltura. Se ne coltivano attualmente più di mille varietà: i produttori principali sono gli Stati Uniti, seguiti da Romania, Germania e Italia. Tra queste molto famose e apprezzate sono le amarene, che a differenza delle ciliegie “tradizionali” hanno la polpa più acida e sono il frutto di una pianta diversa, il Prunus cerasus. Una terza classe di ciliegie è rappresentata dalle varietà nate dall’ibridazione delle prime due.

Come conservare le ciliegie

Sono uno dei frutti più amati della bella stagione ed è praticamente impossibile trovarle nei mesi freddi; per questo può essere utile sapere come conservare le ciliegie per averle sempre a disposizione in qualsiasi momento dell’anno. Ricordiamo che è importante seguire le direttive del Ministero della Salute per la preparazione delle conserve fatte in casa senza correre rischi per la salute.

  • Ciliegie congelate: basterà lavare bene i frutti, eliminare i piccioli e i noccioli (a mano oppure utilizzando l’apposito attrezzo) e disporli su un vassoio, ben distanziati tra loro. A questo punto mettete le ciliegie in freezer per un paio d’ore, in modo che si induriscano e non si attacchino tra di loro, poi riponetele all’interno di sacchetti o contenitori per il freezer. Le ciliegie congelate si conservano fino a 6 mesi e sono perfette per preparare frullati e smoothies, ma anche in cottura per la preparazione di torte e muffin.
  • Ciliegie sotto spirito: l’alcol è un ottimo conservante naturale che consente di conservare le ciliegie per diversi mesi. È necessario preparare una soluzione alcolica in cui immergere le ciliegie, che non dovranno essere private del tutto del picciolo per evitare che si imbevano troppo di alcol. Per un chilo di ciliegie, mettete sul fuoco 200 grammi di zucchero con 350 ml di acqua; portate a ebollizione, poi fate raffreddare completamente lo sciroppo. Disponete le ciliegie all’interno di barattoli di vetro precedentemente sterilizzati e ricopritele con lo sciroppo, al quale avrete aggiunto mezzo litro di alcol a 95°. Aggiungete se volete qualche chiodo di garofano in ogni barattolo, chiudeteli bene e riponeteli in un luogo fresco e asciutto per almeno 40 giorni prima di consumare le ciliegie, che si conserveranno sotto spirito fino a un anno e possono essere utilizzate nella realizzazione di torte, crostate e muffin di ogni tipo.
  • Ciliegie sciroppate: è un metodo di conservazione simile a quello precedente, ma non richiede l’impiego di alcol. In questo caso è necessario preparare uno sciroppo con acqua e zucchero: sciogliete 200 grammi di zucchero in 1 litro di acqua e portate il tutto a ebollizione per qualche minuto, evitando di far cuocere troppo lo sciroppo perché non diventi caramello. Fate raffreddare lo sciroppo, poi ricoprite le ciliegie che avrete precedentemente lavato, asciugato e riposto all’interno di barattoli di vetro sterilizzati. Le ciliegie sciroppate si conservano un paio di mesi, e possono essere utilizzate per la preparazione di torte, muffin e crostate.

Ricette vegane con le ciliegie

Torta fredda vegana con confettura di ciliegie

Le ciliegie sono talmente buone che “una tira l’altra”, ma non solo al naturale: questi frutti sono versatili e si prestano alla preparazione di molte ricette dolci. Qualche esempio? Oltre alla marmellata di ciliegie, sono ottime le nostre barrette alle ciliegie con crumble ai fiocchi di avena, perfette anche per la merenda dei più piccoli. Se amate i dolci al cucchiaio non perdetevi la ricetta facile della cheesecake vegana con confettura di ciliegie e la panna cotta vegana alle ciliegie, perfetti come fine pasto. Per la colazione, invece, sono ottimi i brownies vegan alle ciliegie e la torta vegana al cioccolato farcita alle ciliegie, assolutamente irresistibili.

Calorie e proprietà

Le ciliegie hanno proprietà depurative, diuretiche, disintossicanti e dissetanti. Sono considerate anche un buon rimineralizzante per il contenuto di calcio e inoltre possiedono anche tanto potassio (229 mg per 100 g di parte edibile). Sono leggermente lassative. Contengono poi diverse vitamine, tra cui A e C, acido citrico e malico. Avendo infine un basso indice glicemico (tendono cioè a non elevare troppo gli zuccheri nel sangue), le ciliegie sono consigliate nelle diete e possono essere consumate anche dai diabetici.

Curiosità

Le ciliegie erano consumate e apprezzate sin dall’antichità, tanto che diversi scrittori Greci e Latini ne hanno declamate le virtù: tra questi troviamo Teofrasto, Varrone, Ovidio, Plinio. In alcune culture, l’albero di ciliegio assumeva un significato molto importante: si narra ad esempio che nell’antico Giappone i samurai ornassero le loro spade (katane) con rametti di ciliegio fiorito a simboleggiare il sangue versato dal guerriero per compiere la sua missione.

Print Friendly

Le altre ricette video

0
Mostra commenti (0)