Strudel vegano alle pere e frutta secca

strudel vegano alle pere

Lo strudel vegano alle pere e frutta secca e’ una variante golosa e cremosissima del famoso dolce tradizionale. Il sapore dolce del sedano caramellato e delle pere fa sì che non ci siano zuccheri aggiunti e rende questo dessert leggero e delizioso!

Ingredienti per 6 persone:

un rotolo di pasta sfoglia integrale
2 pere qualità Abate
4 coste di sedano
50 g di zucchero di canna
50 g di pinoli
50 g di noci pecan
50 g di uvetta
un pizzico di cannella
100 g biscotti vegan
acqua q.b.
malto di riso q.b.
zucchero a velo q.b.

Preparazione

Cominciamo a caramellare il sedano, che deve essere tagliato in sezione a pezzi non troppo spessi. In una padella antiaderente mettiamo poca acqua, appena necessaria a ricoprire i pezzi di sedano e versiamo circa 50 grammi di zucchero di canna. Lasciamo cuocere e caramellare a fuoco medio, dopodiché scoliamo il sedano e lasciamo raffreddare.

Nel frattempo tagliamo a cubetti piccoli le pere e uniamole in una ciotola alla frutta secca e ad un pizzico di cannella che andremo a mescolare con il sedano caramellato una volta freddo. Apriamo il rotolo di pasta sfoglia e adagiamolo su di una teglia coperta di carta da forno. Sbricioliamo i biscotti vegan sulla base della pasta e versiamoci sopra il composto di frutta e sedano. Adesso pieghiamo le estremità corte della pasta sul ripieno e poi quelle lunghe a sovrapporsi nella tipica forma allungata dello strudel.

Spennelliamo lati e superficie del nostro strudel vegano con del malto di riso sciolto in pochissima acqua calda e inforniamo in forno statico a 180 gradi per circa 30 minuti, o fino a quando la superficie non risulterà bella dorata.

A fine cottura lasciamo raffreddare e serviamo tiepido, a fette belle spesse e con una spolverizzata di zucchero a velo.

Buon appetito!

Consiglio per i vegolosi: La pasta sfoglia vegan si trova nei negozi di prodotti naturali. Quelle in commercio nei normali supermercati normalmente non contengono prodotti di origine animale ma contengono olio di palma, per cui meglio fare attenzione.

Print Friendly
0