Da Starbucks arrivano i gelati vegan 3D, quasi troppo belli per essere mangiati

Ecco l’ultimo passo in ordine di tempo da parte del colosso della caffetteria verso il vegan: gelati 100% vegetali realizzati con stampe 3D

Starbucks gelati vegani 3D

Ultimamente Starbucks, la caffetteria più famosa del mondo, ama stupire la propria clientela “veggy” con novità molto interessanti: l’ultima in ordine di tempo è il gelato 3D vegano, da poco disponibile in alcuni punti vendita selezionati di Los Angeles, in California. Si tratta del prodotto di punta dell’azienda statunitense Dream Pops, start up che specializzata nella realizzazione di particolarissimi gelati a base vegetale – studiati da uno chef stellato per mettere insieme al meglio materie prime di qualità, come frutta fresca e “superfood” – e “stampati” con una tecnologia 3D davvero innovativa.

“Siamo entusiasti di annunciare la nostra collaborazione esclusiva con Starbucks”, ha annunciato l’azienda sul proprio profilo Instagram (nella foto qui in alto). “Per tutta l’estate, fino al 5 ottobre, i clienti potranno trovare Dream Pops in cinque punti vendita a Los Angeles”. A quanto pare, le creazioni di Dream Pops avrebbero già attirato l’attenzione di Google, Buzzfeed e Vogue, che l’hanno elogiata per il suo design del tutto fuori dal comune e per la sua innovazione in fatto di ingredienti: quelli dell’azienda sono, a conti fatti, dei ghiaccioli che però hanno il gusto e la cremosità di gelati “tradizionali”; in più, sono senza glutine e senza soia. “Il nostro obiettivo è quello di diventare il Willy Wonka dei dolci vegani partendo dal nostro primo prodotto, il Dream Pop, per arrivare a tutti gli altri dessert”.

dream pop Starbucks

Per il colosso americano della caffetteria questo non è il primo passo verso il mercato cruelty-free, anzi: la novità arriva dopo il cupcake 100% vegetale, il wrap vegan, le alternative vegetali al latte vaccino, il primo piatto a base vegetale nel menu e soprattutto dopo l’annuncio del debutto di un intero menu vegano. “Sappiamo che i nostri clienti chiedono ripetutamente una maggiore offerta vegetale – hanno infatti dichiarato i dirigenti dell’azienda – e per questo motivo abbiamo una linea che vorremmo lanciare entro la fine dell’anno“. Come Starbucks, comunque, anche altri colossi della ristorazione e non, si sono spinti sempre più verso il vegan: pensiamo, per esempio, a McDonald’s che ha lanciato McVegan, il suo primo panino vegano; oppure all’Hard Rock Cafè, che ha optato (anche in Italia) per un menu vegetariano per un mese oppure a Ikea, che dopo le polpette vegane ha portato al debutto di dessert 100% vegetali nei propri punti ristoro, e dalla prossima estate offrirà ai propri clienti anche il gelato vegano.

Print Friendly
0