Intolleranza al lattosio: ricette, consigli e suggerimenti golosi

Il grande libro delle ricette senza lattosio_hi

Cosa succede quando si scopre di avere un’intolleranza al lattosio o alle proteine del latte? Il primo pensiero corre inevitabilmente all’infinità di piatti (soprattuto dolci) ai quali si dovrà dire addio. Ma può succedere anche che ci si rimbocchi le maniche ai fornelli per reinventare da capo a piedi una cucina senza lattosio, eppure gustosissima. È quello che è successo a Marica Moda, autrice di “Il grande libro delle ricette senza lattosio e proteine del latte”, edito da Edizioni L’Età dell’Acquario. Trentatreenne torinese, ma toscana d’adozione da ormai molti anni, Marica è allergica al lattosio sin da ragazzina. Noi l’abbiamo intervistata per scoprire le caratteristiche della cucina che racconta nel suo libro.

Marica, come nasce questo libro?
Ho pensato di realizzare questo libro perché nessuno si debba più privare dei piccoli piaceri della tavola, per aiutare più persone possibili a convivere con una grave allergia alimentare o con un’intolleranza, ma anche semplicemente per suggerire qualche ricetta interessante a chi, come i vegani, voglia fare una precisa scelta di vita, o per andare incontro a chi voglia seguire un regime alimentare sano e leggero. A 14 anni sono diventata allergica al lattosio e alle proteine del latte e ho iniziato a scontrarmi con la poca informazione e la totale assenza di libri di ricette che potessero aiutare me e la mia famiglia a preparare piatti idonei alle mie nuove esigenze. A causa di molte crisi allergiche avute nel corso degli anni non per mia, ma per altrui disattenzione o superficialità, ho iniziato a creare delle ricette che potessero aiutarmi in cucina a convivere con la mia allergia.

Convivere in sicurezza e tranquillità con un’allergia o un’intolleranza al latte: quali consigli pratici possiamo dare ai nostri lettori?Purtroppo ad oggi, per quanto riguarda l’allergia non esiste una cura, quindi la prima regola che deve assolutamente imparare una persona allergica è leggere con molta attenzione le etichette dei prodotti, non limitandosi solo all’elenco degli ingredienti, ma ponendo attenzione anche alle scritte più piccole, spesso poste nella parte bassa della confezione, in cui viene indicato in quale stabilimento è stato realizzato il prodotto, se in atmosfera protettiva o meno. Questo perché se l’alimento non è stato realizzato in atmosfera controllata, e se nello stabilimento vengono utilizzati latte in polvere o lattosio per realizzare altri prodotti, questo diventa automaticamente un alimento pericoloso, contaminato, potenzialmente causa di crisi allergica. La guardia non va mai abbassata, quindi è necessario controllare sempre le etichette, non solamente durante l’acquisto di un prodotto nuovo, ma anche di prodotti che vengono acquistati abitualmente, per continue modifiche che possono avvenire nelle produzioni industriali.

L’impressione è che il latte sia presente ovunque. E allora, tu, che cosa mangi?
Il primo pensiero che assale una persona che scopre di essere allergica è proprio quello di non poter mangiare più nulla: il latte, le sue proteine e il lattosio, sono presenti in moltissimi alimenti, anche in quelli più insospettabili, come ad esempio il dado, lo zucchero a velo confezionato, il gelato alla frutta, il salame, la mortadella, il prosciutto cotto o i würstel e, addiruttura, nei farmaci, dove il lattosio è spesso presente come additivo. Ponendo un po’ di attenzione, selezionando accuratamente gli alimenti e i luoghi dove andare a mangiare, per fortuna si può ovviare al problema. Per quanto mi riguarda, può sembrare strano ma, grazie alle mie ricette, ammetto che in cucina non mi privo proprio di nulla, anzi, avendo creato ricette senza lattosio e proteine del latte ho creato piatti più sani e leggeri, che permettono di concedersi anche qualche piccolo sfizio in più rispetto ai piatti tradizionali. Ci si può concedere un buonissimo dolce senza dover necessariamente assumere troppe calorie, potendoselo gustare serenamente e con gusto!

Quali indicazioni di massima si possono seguire in cucina per sostituire il latte e i suoi derivati, anche nelle ricette più tradizionali?Sostituire prodotti caseari con prodotti di origine vegetale è il primo passo. Ad esempio, assaggiando vari tipi di latte vegetale (di soia, di mandorle, di avena, di riso) si possono assumere vitamine che con prodotti caseari non si assumono, e il gusto ne è assolutamente appagato. Nel libro svelo anche qualche ricetta per realizzare in casa formaggi vegetali buonissimi, che spesso non hanno nulla da invidiare al sapore di quelli “tradizionali”, che inoltre hanno il vantaggio di essere facilmente digeribili, più leggeri e sani.

LEGGI ANCHE: Latte di soia

Qual è la tua ricetta senza lattosio preferita?
I tartufini al cocco: un dolce semplicissimo da realizzare, che non necessita neanche di cottura, adatto proprio a tutti, allergici al lattosio, celiaci e vegani.

Il grande libro delle ricette senza lattosio e proteine del latte
Marica Moda
Edizioni L’Età dell’Acquario
Euro 19

Silvia De Bernardin

Print Friendly
0
Mostra commenti (0)