Torta di rose vegana

Torta di rose vegan? Si può! Un dolce diverso, dal sapore zuccherino

Torta di rose vegana

La torta di rose è un dolce tipico della cucina mantovana che io ho reinventato sulla base dei semplici e naturali ingredienti della cucina vegan.

La torta di rose è infatti ricca di per sè di burro e uova, e per mettermi alla prova ho pensato: perché non provare a fare qualcosa di diverso e vedere ciò che viene fuori, senza gli ingredienti base della torta normale? Ho riprovato a farla, una, due e per la terza volta finalmente c’è l’ho fatta! Grazie alla mia testardaggine e volontà di fare sono riuscita nel mio piccolo a fare ciò che volevo e a realizzarlo, una piccola soddisfazione che ti rende felice anche con poco. A casa erano stufi di mangiare le “prove” di una torta incompleta e dopo che è riuscita la torta, non c’erano più tracce di essa, neanche una briciola. Ecco, dunque, la ricetta dalla torta di rose vegan.

Ingredienti per l’impasto:

240 g di farina integrale
200 g di farina 0
230 ml di latte di soia
160 g di zucchero di canna
80 g di burro di soia
15 g di lievito di birra
2 cucchiai di fecola di patate
1 cucchiaio di malto di mais

Ingredienti per la farcitura:

50 g cioccolato fondente
30 g nocciole
zucchero di canna e burro di soia (sciolte in padella) a piacere

Strumenti:

mixer
pennello per dolci
teglia cilindrica

La preparazione dell’impasto

Per prima cosa, sciogliete in una padella il burro di soia a bagnomaria. Sciogliete poi il lievito di birra nel latte di soia a temperatura ambiente, aggiungete anche un cucchiaio di malto di mais. In una ciotola capiente unite le farine, setacciandole, poi aggiungete lo zucchero di canna, il burro sciolto a bagnomaria, i due cucchiai di fecola di patate e il composto fatto in precedenza (il latte, il lievito e il malto).

Con un mestolo mescolate tutti gli ingredienti sino a ottenere un composto omogeneo e senza grumi. Se il composto risulta troppo umido, aggiungere un po’ di farina, viceversa, se risulta secco aggiungete un po’ di acqua.

La prima lievitazione

Fate lievitare l’impasto a temperatura calda per circa 4 ore coperto da un canovaccio umido. Dopodiché, stendete il composto formando un rettangolo di spessore fine circa 4 millimetri.

La farcitura

Spennellate l’impasto con un po’ di burro di soia e zucchero di canna sciolto (tenetene un po’ anche per spennellare i contorni delle rose). Tritate le nocciole con il mixer e tagliate in piccole parti il cioccolato (come delle gocce) e cospargete il tutto.

Arrotolate su se stesso l’impasto formando un rotolo, tagliatelo in parti (dimensioni a piacere, l’importante è che coprano la teglia). Prima di disporre le rose sulla teglia ricoperta di carta forno, cercate di spennellare i contorni con il burro e lo zucchero di canna sciolto e unitele una per una, attaccandole, formando una torta.

La seconda lievitazione e l’infornata

Fate riposare l’impasto per 30 minuti sempre con sopra un canovaccio umido, poi infornatelo a 175 gradi per circa 35 minuti. Raffreddate la torta a temperatura ambiente e lucidatela con un cucchiaino di malto di mais sciolto in un po’ d’acqua.

Consiglio per i vegolosi: Per la farcitura potete utilizzare al posto del burro di soia, una spennellata di marmellata, sta a voi la scelta del gusto:).

Print Friendly
0
Mostra commenti (0)