Risotto al radicchio e nocciole

Il risotto al radicchio è un grande classico dei risotti, qui ve lo presentiamo arricchito con frutta secca ed erbe profumate

Risotto al radicchio e nocciole

Print

Risotto al radicchio e nocciole

Il risotto al radicchio e nocciole unisce l’amaro di questa splendida insalata con il sapore delicato delle nocciole, un connubio delizioso impreziosito ancora di più dal profumo della salvia fresca. Vi immaginate già a gustare questo risotto? Bene, non vi resta che mettervi ai fornelli.

    Author:
    Preparazione: 10 min
    Cottura: 25 min
    Tempo totale: 35 min
    Dosi per: 4 persone

Si cucina!

Prepariamo il radicchio

In una pentola abbastanza capiente versate qualche cucchiaio di olio e fatelo scaldare lentamente con le foglie di salvia tritate il più finemente possibile, in modo che si aromatizzi. Nel frattempo tritate anche la cipolla e, quando l’olio è caldo, aggiungetela nella pentola facendola soffriggere leggermente con anche un pizzico di sale.

Siamo pronti per il riso

Portate a bollore del brodo vegetale e preparate il radicchio: tagliatelo a striscioline di 1 cm di spessore, lavatelo e centrifugatelo bene; fatelo saltare nell’olio con la salvia e la cipolla fino a che sarà appena appassito. Unite a questo punto il riso e fatelo tostare a fiamma viva per un minuto. Coprite poi con il brodo bollente e portate a cottura il risotto, aggiungendo un mestolo di brodo alla volta quando inizia ad asciugare e mescolando spesso per evitare che attacchi. A un minuto dalla fine della cottura regolate di sale e pepe.

Serviamo!

Tritate al coltello le nocciole fino ad ottenere una granella. Servite il risotto all’onda decorando ogni porzione con una spolverizzata di granella.

Conservazione

Questo risotto dà il meglio di sè se consumato appena fatto. Se però doveste avanzarne un po’, conservatelo in frigorifero in un contenitore per alimenti fornito di coperchio e al momento del consumo saltatelo in padella con un goccio di olio e di acqua.

Consiglio per i vegolosi: Se volete, dopo aver tostato il riso, potete sfumare con un po' di vino rosso e poi proseguire secondo la ricetta con il brodo

Print Friendly
Mostra commenti (0)