“Tonno” vegan, anguilla veg e salmone di carote: le idee di James Corwell

Una ricetta semplice, una nuova realtà produttiva che lo chef James Corwell ha già lanciato sul mercato. Un modo per lanciare un messaggio importante: salvaguardare il mare e i suoi abitanti è fondamentale.

James Corwell è uno chef e non è vegano. Poco importa, perché ciò non gli ha impedito di formulare un pensiero espresso in una frase chiarissima: “Il pesce è ottimo ma l’estinzione no“. La questione è che davvero i nostri mari sono in guai molto seri. La realtà è fosca e le previsioni lo sono ancora di più: nel 2048 non ci sarà più pesce da pescare e gli ecosistemi marini saranno irrimediabilmente perduti a causa della predazione senza sosta della fauna ittica (circa 90 milioni di tonnellate all’anno di pesce pescato).

James ha pensato ad una soluzione: se il gusto del sushi e di altre ricette a base di tonno crudo, è il vero obiettivo, ecco che basta inventare una sostituzione. Il tonno vegetale è un prodotto creato dalla sua compagnia, la Ocean Hugger Foods™ che dopo tanta sperimentazione ha trovato la combinazione perfetta: le fettine di tonno crudo non sono altro che filetti di polpa di pomodoro, tipologia “Roma” (che viene dal Messico)  lavorate con pochissimi ingredienti, fra i quali la salsa di soia e olio di sesamo.

La consistenza e il gusto sono incredibili come confermano moltissime recensioni positive di grandi giornali. Il prodotto, che si chiama Ahimi™: è ideale non solo per il classico sushi, ma anche per altre preparazioni come insalate, rolls e tartàre.  Il tonno vegetale a filetti viene già distribuito e utilizzato in molti ristoranti degli Stati Uniti.

Anguilla-vegetale

A breve Anguilla vegetale e  salmone di carote

Corwell non sta di certo con le mani in mano, intanto che il suo tonno vegetale spopola: la sua azienda sta già lavorando ad altre alternative al pesce, sempre a base vegetale. Sul sito della società è possibile infatti leggere che entro il 2018 saranno realtà anche una alternativa alla carne di anguilla a base di melanzane (Unami™) ed una alla carne di salmone a base di carote (Sakimi).
Nel frattempo ricordiamoci che per assaporare piatti dal gusto di mare è possibile utilizzare le alghe in cucina. Per esempio niente vieta di sperimentare le orecchiette alle cime di rape al profumo di mare, oppure il sushi vegano, o anche il seitan “stonnato”: favolosi!

Print Friendly
0