Babbo Natale diventa vegano nella favola per bambini di Robin Raven

Latte di mandorle, biscotti vegani e delle renne per amiche: il nuovo Santa Claus è buono con tutti, anche con gli animali

santa-claus

Babbo Natale è certamente il mito iconografico più amato e riconosciuto dai bambini in tutto il mondo (al secondo posto si piazza Ronald Mc Donald) e la sua vita è dedicata a rendere felici proprio loro, i bambini (buoni).

Ma, si chiede l’autrice Robin Raven, se Babbo Natale è così gentile e compassionevole, perché beve latte di mucca e si fa scarrozzare per il cielo stellato dalla renne? Ecco che nasce allora la versione riveduta e corretta, completamente veg, dell’eroe natalizio più famoso di sempre. “Guardando un sacco di film durante le vacanze e le illustrazioni natalizie, ho notato questo aspetto di violenza all’interno del mondo di Santa Claus che nessuno ha mai messo in discussione” ha raccontato l’autrice a Latest Vegan News. “Per esempio, in molte rappresentazioni tradizionali di Santa, soprattutto se datate, lo si vede maneggiare una frusta con cui percuote a mezz’aria le sue renne!”.

Babbo natale veganoCosì Raven ha dato forma alla sua idea di un Babbo Natale rispettoso di tutti gli esseri viventi in un libro per bambini dal titolo poco fraintendibile: “Il primo Natale vegano di Babbo Natale” (Santa’s First Vegan Christmas) in cui la renna Dana, incontrata la vigilia di Natale mentre l’omone di rosso vestito è in cerca di renne da reclutare per il traino della slitta, spinge il nostro a riflettere sulla situazione critica in cui versano gli animali non umani.

Il personaggio di Dana è nato proprio dalla consapevolezza circa il modo in cui gli animali nel mondo reale vengono ingiustamente trattati e sfruttati. Parole importanti, quelle che l’autrice mette in bocca alla renna Dana, portatrice del messaggio vegan, che hanno preso forma e vita grazie alle illustrazioni dell’artista Kara Maria Schunk.

Il libro è disponibile su Amazon e l’auspicio è quello che possa aiutare le persone a mettere in discussione i propri schemi mentali tradizionali. “Questo libro amplia il concetto della bontà leggendaria di Babbo Natale, che in questo modo si estende a tutti gli animali così come alle persone”.

E allora cosa lasciare in dono al nostro eroe quando visita le case dei bambini la notte di Natale? Naturalmente “biscotti vegani e latte di mandorle” suggerisce Raven. E perché no, “una copia di Santa’s First Vegan Christmas”, per allietare il viaggio di ritorno verso la Lapponia.

Serena Porchera

“Santa’s First Vegan Christmas”                                                                                                                               R.Raven

Reginaldo, il dinosauro vegano

Print Friendly
0
Mostra commenti (0)