Pistacchi

I pistacchi in Cina vengono chiamati “i semi felici”, in Iran invece “i semi sorridenti” e anche i gusci possono essere utilizzati: ecco come!

Il pistacchio è il frutto dell’omonimo albero ed è caratterizzato da un colore verde-violetto e racchiuso in un guscio rigido dall’aspetto legnoso. I pistacchi maturano verso la fine dell’estate con l’apertura parziale del guscio.

Dove trovarli

I pistacchi sono facilmente reperibili nella grande distribuzione, nei negozi di alimentazione biologica e online, sia nella versione salata che al naturale, senza sale (da preferire). I migliori pistacchi sono quelli siciliani di Bronte, famosi, conosciuti e apprezzati in tutto il mondo per la loro qualità.

Usi in cucina

Anche se i pistacchi al naturale sono da preferire, a volte sono difficili da trovare. Allo stesso modo, molte ricette richiedono l’impiego di pistacchi spellati, anche questi di non facile reperibilità. In ogni caso, è piuttosto semplice dissalare quasi del tutto i pistacchi e spellarli in casa: vi basterà armarvi di un po’ di pazienza e sgusciarli, per poi immergerli per un minuto in acqua bollente. Scolateli e, mentre sono ancora caldi, rimuovete la cuticola esterna, che dovrebbe staccarsi con facilità.

A questo punto avrete ottenuto i vostri pistacchi sgusciati e quasi totalmente senza sale. Volendo, potreste metterli sul fuoco a fiamma vivace per qualche minuto, in una padella antiaderente, in modo da tostarli e far asciugare l’eventuale umidità che potrebbero aver assorbito. I pistacchi sono quindi pronti per diventare uno snack spezza fame, l’ingrediente di qualsiasi ricetta oppure per essere trasformati in farina, se frullati con un robot da cucina piuttosto potente.

Ricette con i pistacchi

Biscotti secchi vegani al cioccolato con pistacchi

In cucina i pistacchi trovano molti impieghi diversi, sia nelle ricette dolci che in quelle salate. Noi, per esempio, li abbiamo utilizzati per preparare una gustosissima crema di pistacchi, che poi abbiamo utilizzato per farcire la nostra focaccia con melanzane rosse, per una pasta al pesto davvero deliziosa ma anche per dei muffin salati senza uova ideali per l’aperitivo. A proposito di aperitivo, imperdibile è anche il nostro hummus di pistacchi e timo, così come le mini quiche di zucchine con menta e pistacchi. In pasticceria, invece, sono impiegati per la preparazione di gelati o creme (come la nostra deliziosa crema pasticcera), ma sono perfetti anche all’interno dell’impasto di torte, muffin, biscotti e crostate di ogni tipo.

Proprietà, calorie e valori nutrizionali

Come riportano le tabelle Crea, i pistacchi al naturale sono poveri di sodio e ricchi di vitamine, soprattutto A e B, fosforo, potassio, ferro e manganese. Il loro apporto energetico è molto alto (100 grammi di prodotto apportano infatti 608 kcal) e per questo sono ottimi per i bambini e per chi pratica sport. Privi di colesterolo, sono ideali anche come spuntino: una porzione di pistacchi (che corrisponde a circa 30 grammi) aiuta a mantenere più a lungo la sensazione di sazietà.

Storia e curiosità

I pistacchi hanno origini antichissime in Medio Oriente. In Italia, furono gli Arabi a diffondere la coltura, principalmente in Sicilia il cui clima mite e soleggiato assomigliava al territorio di origine. In Cina il pistacchio viene chiamato “il seme felice”, in Iran invece “il seme che sorride”, per il suo guscio semiaperto. I gusci inoltre possono essere riutilizzati: se tritati si trasformano in un ottimo concime organico per il nostro orto.

Print Friendly

Le altre ricette video

0
Mostra commenti (0)