Nigella sativa: cos’è, come si usa e proprietà

I semi della nigella sativa, conosciuti anche come cumino nero, sono ideali per guarnire prodotti da forno e insaporire le insalate.

semi di cipolla neri

La nigella sativa (nota anche come cumino nero, nonostante si tratti di due specie botaniche differenti) è una pianta erbacea annuale della famiglia delle Ranuncolaceae originaria del Sud-Est asiatico, dal particolare aroma di cipolla e dal retrogusto agrumato. Di questa pianta si usano i semi, piccoli, di colore scuro e dalla forma piramidale, contenuti all’interno dei frutti. Questa pianta è nota fin dai tempi antichi come potente rimedio fitoterapico, tanto che perfino gli antichi Egizi ne sfruttavano già le proprietà benefiche, ma trova largo uso anche in cucina.

Usi in cucina e ricette

La nigella sativa ha un sapore intenso, che richiama quello della noce e della cipolla, ed è ideale per insaporire impasti o come guarnizione prodotti da forni sia salati, come pane e grissini, che dolci. Una nota leggermente pepata la rende adatta anche alle creme di verdura e al condimento delle insalate, come la nostra insalata di zucca e lenticchie. Non a caso, in Paesi come l’India e il Pakistan i semi della nigella vengono usati proprio come condimento simile al nostro sale e pepe: da provare sul riso basmati e tofu alla pizzaiola.

Nigella sativa: olio e olio essenziale

Dai semi di questa pianta si ricavano due tipologie di olio diverso: l’olio vero e proprio, meglio se spremuto a freddo se per uso alimentare, è noto per le proprietà antinfiammatorie, antimicotiche e antibatteriche. In cosmesi viene utilizzato su pelle e capelli problematici per combattere e alleviare i i sintomi di dermatiti, ma anche su pelli secche o provate dagli agenti atmosferici e dall’inquinamento.

L’olio essenziale ha le stesse proprietà dell’olio, e può essere utilizzato diluito in un altro olio come coadiuvante nel trattamento delle bronchiti se massaggiato sul petto, ma è utile anche in aromaterapia per “disinfettare” gli ambienti, oppure come trattamento d’urto sul cuoio capelluto stressato e infiammato: 2-3 gocce diluite in un altro olio, da lasciare in posa qualche minuto prima dello shampoo.

Proprietà

La nigella sativa vanta una storia tanto antica che i suoi semi sono stati ritrovati addirittura in alcuni siti archeologici dell’antico Egitto, come nella tomba del faraone Tutankhamon. Anche le proprietà antinfiammatorie, antistaminiche e antibatteriche dei semi e dell’olio che da essi si può ricavare sono note sin dall’antichità. Non a caso, il nome arabo della nigella sativa è habbat el baraka, “seme benedetto”. Utili anche per contrastare i sintomi dell’asma e dell’allergia, questi semini neri sono un toccasana per le vie aeree: chiudetene una manciata in un fazzoletto e ispiratene il profumo, vi aiuterà a respirare meglio anche in caso di raffreddore.

Dove comprarla

La nigella sativa è reperibile nei negozi di alimentazione naturale e biologica più forniti, sia sotto forma di semi che di olio per uso alimentare e cosmetico. È ancora più facile acquistarla online: anche qui si trovano i semi, l’olio a uso alimentare, e quello a uso cosmetico oltre che capsule (nelle quali però è difficile garantire l’assenza completa di derivati animali).

Print Friendly

Le altre ricette video

0
Mostra commenti (0)