Anice

AniceL’anice verde (Pimpinella anisum) è una pianta erbacea annuale dai fiori di colore bianco o giallo, simile al finocchio e all’aneto, appartenente alla famiglia delle Ombrellifere. La parte edibile è costituita dall’anetolo, un’essenza oleosa e profumata contenuta nei semi.

Curiosità
Questa pianta era conosciuta e usata per le sue virtù medicinali già dagli antichi Egizi e dai Greci. Oggi è diffuso in tutta l’area mediterranea. L’anice verde non va confuso con l’anice stellato (Illicium vero), detto anche cinese, caratterizzato da fiori marroni a forma di stella a 6 o 8 punte. Arbusto sempre verde originario dell’Asia, l’anice stellato appartiene a una famiglia differente ma contiene anch’esso anetolo in ottima quantità.

In cucina
Entrambe le varietà possono essere impiegate in cucina. I semi di anice verde vengono usati soprattutto come aromatizzante di dolci, frutta, minestre, gelati e ghiaccioli. Sin dall’antichità l’anice è stato impiegato per produrre liquori. Tra i più famosi, ricordiamo l’anisetta, a base di anice verde, la sambuca e il pastis francese, che sono invece a base di anice stellato. Favoloso anche per calde tisane!

Proprietà
P
uò essere assunto anche in infusione o masticando i suoi semi leggermente tosati, è un coadiuvante della digestione, favorisce l’eliminazione dei gas intestinali e attenua coliche, crampi e gonfiori addominali. Il frutto essiccato è un calmante della tosse.

Per i vegolosi che prediligono gli aromi intensi.

Insieme

Con il 2021 ci piacerebbe continuare a produrre contenuti, informazione di alta qualità, ricette meravigliose e permettere a sempre più persone di acquisire maggiore consapevolezza su questi temi: possiamo farlo insieme, se vuoi.
Abbonandoti a Vegolosi MAG, la nostra rivista mensile digitale, potrai goderti ricette inedite e contenuti giornalistici di alta qualità e al tempo stesso sostenere Vegolosi.it. Iniziamo da qui.

Print Friendly
0