Pane rustico con uvetta e cannella

Ecco la ricetta per un pane soffice e profumato, semplice da realizzare, perfetto per le vostre colazioni autunnali

pane rustico con uvetta e cannella

Eccomi nuovamente qui, con una ricetta semplice e perfetta per le vostre colazioni autunnali: il pane rustico con uvetta e cannella. La ricetta è semplicissima e molto veloce, il risultato sarà un pane soffice e molto profumato.

Ingredienti per uno stampo da plumcake da 21 cm:

300 g di farina integrale tipo 1

150 g di farina integrale tipo 2

200 g di uvetta reidratata

9 g di cannella

5 g di lievito secco

350 ml di acqua tiepida

20 ml di olio extravergine di oliva

45 g di zucchero di canna

un pizzico di sale

Si cucina!

Iniziate setacciando le farine e aggiungete la cannella. In un bicchiere mettete l’acqua calda, aggiungete il lievito secco e una parte di zucchero. Versate quindi acqua e lievito nella farina, e aggiungete lo zucchero rimasto.

A questo punto aggiungete anche il pizzico di sale e l’olio, iniziando ad amalgamare bene il tutto. Unite anche l’uvetta precedentemente reidratata e impastate energicamente fino ad ottenere un panetto compatto (in base al tipo di farina usato potreste avere un impasto troppo molle e colloso, in questo caso aggiungete ancora qualche cucchiaio di farina).

Mettete il panetto in un recipiente coperto da canovaccio e ponetelo in forno spento con luce accesa per circa mezz’ora.

Trascorso questo tempo, riprendete il vostro panetto, impastatelo nuovamente e ponetelo nello stampo leggermente oliato. Infornate in forno già caldo a 200° per 30 minuti. Sentirete il profumo della cannella invadere tutta la casa… non vi resta che lasciar intiepidire e gustare 🙂

 

Insieme

Con il 2021 ci piacerebbe continuare a produrre contenuti, informazione di alta qualità, ricette meravigliose e permettere a sempre più persone di acquisire maggiore consapevolezza su questi temi: possiamo farlo insieme, se vuoi.
Abbonandoti a Vegolosi MAG, la nostra rivista mensile digitale, potrai goderti ricette inedite e contenuti giornalistici di alta qualità e al tempo stesso sostenere Vegolosi.it. Iniziamo da qui.

Print Friendly
0