Morrissey: sindaco vegano a Londra?

Il Partito per la Salvaguardia degli Animali, tramite la leader e portavoce, conferma: Morrissey sta seriamente pensando di candidarsi a sindaco di Londra per le elezioni in programma tra due mesi.

morrissey sindaco londra

Morrissey, vegano e animalista convinto, potrebe diventare il futuro sindaco di Londra. Il Partito per la Salvaguardia degli Animali (Animal Welfare Party) ci crede e ha chiesto all’eclettico artista britannico e icona degli anni ’80 di candidarsi per le prossime elezioni nella capitale inglese in programma il 5 maggio 2016. Il partito politico nato nel 2006, il cui programma è incentrato sulla tutela dei diritti degli animali e dell’ambiente, ha confermato la proposta attraverso la leader e portavoce Vanessa Hudson in una nota scritta inviata alla Cnn.

Come riportato dal fansite dell’artista “True To You“, per poter ufficializzare la candidatura servono 330 firme, di certo non difficili da reperire per un artista con la sua fama. E la conferma che l’ex frontman degli Smiths ci stia seriamente pensando giunge dal fansite stesso, dove Morrissey ha pubblicato un lungo post a seguito delle notizie diffuse. “I gruppi a sostegno degli animali sono fini a se stessi. Ci deve essere una voce governativa contro l’infernale ingiustizia sociale perpetrata agli animali nel Regno Unito solo perché quegli animali non parlano inglese. Quello che i protezionisti degli animali hanno bisogno di dire, vale la pena dirlo, e vale la pena ascoltarlo. Ma non possiamo sederci ad aspettare l’illuminazione del governo”.

Il cantante insiste sulle atrocità perpetrate nei macelli e sui danni climatici provocati dal consumo di carne lasciandosi però andare ad alcuni commenti che lo hanno reso nel tempo un personaggio controverso e a volte controproducente: in questo caso, dopo aver paragonato chi mangia animali ai pedofili, paragona i mattatoi ai campi di concentramento nazisti e accusa tutti quelli che bevono latte di essere complici e favorevoli a una nuova Auschwitz.

Yuri Benaglio

Print Friendly
0