Il dilemma dell’onnivoro. Recensione del libro

Il dilemma dell'onnivoroMichael Pollan è come un amico, uno di quelli con cui ti siedi in un bar un po’ fuori mano con una bella tazza di caffè fra le mani e inizi a chiacchierare. E’ un giornalista che ha scritto un libro e ti piace parlare con lui perché ha visto un sacco di cose, incontrato moltissime persone, e qualche anno fa ha deciso di realizzare un’inchiesta sull’alimentazione e sul dilemma che attanaglia (o almeno dovrebbe) tutti gli onnivori: che cosa sto mangiando esattamente?

Mentre bevete la vostra tazza di caffè, scoprite molte cose: il viaggio di Pollan è quello di chi parte dalla consapevolezza di non sapere tutto, anzi, è a dir poco “socratico” in questo. L’umiltà con cui si mette sulle tracce dell’origine (vera) del cibo di tutti i giorni è davvero stupefacente (forse perché siamo fin troppo abituati a persone che millantano credito su troppe cose, senza ragione). Il suo viaggio parte dal mais. È interessante scoprire come la coltivazione di questa pianta (soprattutto negli Stati Uniti) abbia radicalmente trasformato non solo il paesaggio (e già non è poco) ma anche l’economia e, soprattutto, il nostro modo di nutrirci. Il mais costa poco, rende tanto, lo si usa per creare cibo, energia, per nutrire gli animali. Su 47mila alimenti presenti in media in un supermercato americano, almeno la metà contiene mais.

Pollan parla con i contadini americani, mangia, vive con loro, zappa la terra, mette le mani nel fango, si alza alle 4 del mattino per iniziare a lavorare. Compra un vitello (a cui non dà un nome, ma solo un numero, forse perché teme davvero di affezionarcisi troppo) ne segue la vita, lo sviluppo e la macellazione. No, questo non è un libro “veg”. Pollan ci prova a diventarlo, lo dice, ma non ci riesce. Onesto.
Quella con Pollan è una chiacchierata, che vale davvero la pena di fare, perché apre molte porte attraverso le quali riflettere su quello che mangiamo e come lo mangiamo. Infine, ecco la cena organizzata da Pollan al termine della sua inchiesta: sono solo e tutti cibi che ha coltivato lui, o che ha cacciato. Una cena semplice e reale, nel più stretto senso del termine.

Il dilemma dell’onnivoro (Gli Adelphi)
Michael Pollan
Adelphi
euro 14,00

Print Friendly
0
Mostra commenti (0)