Marmellata di susine senza zucchero

Il loro gusto leggermente acidulo è uno dei sapori tipici dell’estate piena: ecco come valorizzarlo al massimo per preparare con le susine una gustosa marmellata senza zuccheri aggiunti

Stampa

Marmellata di susine senza zucchero

Dolci e dal retrogusto leggermente acidulo, le susine sono uno dei frutti estivi più golosi e rinfrescanti. Qui le abbiamo usate per preparare una marmellata naturalmente dolce, che non richiede l’uso di zuccheri aggiunti perché sfrutta il potere dolcificante della mela. Buonissima spalmata su una fetta di pane tostata la mattina!

    Autore: Vegolosi.it
    Prep.: 20 min
    Cottura: 60 min
    Tempo tot.: 1 ora 20 min

Ingredienti

Si cucina!

Per prima cosa, lavate bene le susine, rimuovete il nocciolo centrale e pesate 500 g di polpa. Poi, tagliatele a cubetti.

Prepariamo la mela

Tagliate la mela in 4 spicchi, rimuovete il torsolo (ma non la buccia!) e tagliatela a dadini. Trasferiteli nel tritatutto e frullate fino a ottenere una purea il più liscia possibile.

Cuociamo la marmellata

Versate le susine e le mele frullate in una pentola insieme al succo di limone, accendete la fiamma e portate il tutto a bollore. A questo punto, coprite con un coperchio e cuocete per circa un’ora, mescolando di tanto in tanto, fino a quando la frutta sarà bella morbida e si sarà asciugata.

Trasferiamo nei vasetti

Trasferite la marmellata ancora bollente in vasetti di vetro precedentemente sterilizzati in forno o in acqua bollente, chiudeteli bene e appoggiate il vostro vasetto a testa in giù su un tavolo, lasciandolo in quella posizione fino a quando si sarà raffreddato completamente e si sarà formato il sottovuoto. A questo punto potete conservare la vostra marmellata in dispensa o gustarla su una bella fetta di pane.

Conservazione

Potete conservare questa confettura senza zucchero per qualche mese in vasetti di vetro sterilizzati, avendo cura di invasettarla ancora calda e di rovesciare i vasetti formando il vuoto. Una volta aperta, conservate la marmellata la in frigorifero e consumatela entro una settimana.

Print Friendly

Le altre ricette video

0
Mostra commenti (0)