Marmellata di mele cotogne senza zucchero

Una confettura tradizione, quella di mele cotogne, che qui vi proponiamo in versione senza zuccheri aggiunti: ecco come prepararla in casa!

marmellata di mele cotogne jonathan-pielmayer-uiPaZkzjv64-unsplash_650
Stampa

Marmellata di mele cotogne senza zucchero

E’ la “marmellata della nonna” per eccellenza: la confettura di mele cotogne, con il suo sapore leggermente acidulo, è facilissima da preparare in casa anche senza ricorrere all’impiego di zuccheri aggiunti. Scopriamo insieme come!

    Autore: Vegolosi.it
    Prep.: 20 min
    Cottura: 60 min
    Tempo tot.: 1 ora 20 min

Ingredienti

Strumenti

Si cucina!

Lavate bene le mele cotogne sfregando bene la superficie per eliminare completamente la peluria che le ricopre. Preparate quindi una bacinella di acqua e spremeteci all’interno il succo di un limone. Tagliate le mele in quarti, eliminate il torsolo (ma non la buccia!) e tagliatele a cubetti, che andrete a mettere man mano nella ciotola di acqua acidificata con il limone per evitare che ossidino diventando nere.

Cuociamo le mele

Portate a bollore una pentola di acqua e versatevi le mele scolate dall’acqua e limone, e lasciate cuocere fino a che la frutta sarà diventata bella morbida, ci vorranno circa 15-20 minuti, ma dipenderà da quanto grandi avrete fatto i cubetti di mela. A questo punto scolate la frutta e passatela con il passaverdure o frullatela con il frullatore ad immersione.

Completiamo la marmellata

Una volta ridotte le mele in purea trasferitele nuovamente in una pentola antiaderente, aggiungete lo sciroppo d’acero e se lo gradite la scorza di mezzo limone e proseguite la cottura a fuoco basso per altri 20-30 minuti o fino a che la marmellata avrà raggiunto la densità desiderata.

Trasferiamo nei vasetti

Trasferite la marmellata ancora bollente in vasetti di vetro precedentemente sterilizzati in forno o in acqua bollente, chiudeteli bene e appoggiate il vostro vasetto a testa in giù su un tavolo, lasciandolo in quella posizione fino a quando si sarà raffreddato completamente e si sarà formato il sottovuoto. A questo punto potete conservare la vostra marmellata in dispensa o gustarla su una bella fetta di pane.

Iscriviti alla newsletter e ricevi subito l'ebook gratis

Quattro ricette MAI pubblicate sul sito che potrai scaricare immediatamente. Puoi scegliere di ricevere una ricetta al giorno o una newsletter a settimana con il meglio di Vegolosi.it.  Iscriviti da qui.

Conservazione

Potete conservare questa confettura senza zucchero per qualche mese in vasetti di vetro sterilizzati, avendo cura di invasettarla ancora calda e di rovesciare i vasetti formando il vuoto. Una volta aperta, conservate la marmellata la in frigorifero e consumatela entro una settimana.

Insieme

Abbonarsi a Vegolosi MAG, la nostra rivista mensile digitale, ti permetterà di goderti ricette inedite, contenuti giornalistici di alta qualità e al tempo stesso sostenere Vegolosi.it e il lavoro facciamo ogni giorno per permettere a sempre più persone di acquisire maggiore consapevolezzaSe vuoi, puoi farlo da qui.

***

Non ora ma ricordamelo!

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica qui sotto e ti invieremo un massimo di due email, nei prossimi 30 giorni.

Print Friendly
0