Torta vegan di carote e noci

Una vera delizia per iniziare bene la giornata, per spezzare la fame, per terminare un pranzo o una cena.

torta carote

Qualche giorno fa sono andata a trovare i miei genitori, e mia madre, sapendo che sono vegana, mi ha fatto trovare questa torta vegan di carote e noci, buonissima, con poca farina, molte carote e tantissimo gusto! L’ho provata come spuntino, a colazione e di nuovo come spuntino di metà mattinata… Insomma, non stanca mai!

Ingredienti
200 g di latte di mandorle
700 g di polpa di carote centrifugate
200 g di zucchero di canna
50 g di farina 00
150 g di fecola di patate
scorza grattugiata di 3/4 limoni, possibilmente bio
1 bustina di lievito per dolci, possibilmente vanigliata, altrimenti aggiungere anche una bustina di vanillina
1/2 bicchiere di olio evo
70 gdi noci (o granella di nocciole a piacere)

Procedimento
In una terrina capiente unite il latte di mandorle e lo zucchero di canna, amalgamate bene con un mestolo di legno.

Setacciate quindi la fecola di patate e la farina 00 e aggiungeteli piano piano nel latte di mandorle e zucchero, continuando a mescolare con il mestolo. Unite la scorza grattugiata del limone, il lievito per dolci e l’olio evo, fino a raggiungere una consistenza cremosa.

Siamo quasi arrivati alla fine della preparazione, per cui preriscaldate il forno a 180°. Se non lo avete fatto precedentemente, centrifugate le carote e utilizzate la polpa ottenuta amalgamandola all’impasto della torta, che deve risultare “budinoso”, e aggiungete le noci sgusciate: vanno benissimo se sono a pezzi grossolani.

In una tortiera stendete un filo d’olio e aiutatevi con un fazzoletto per stenderlo per bene sulla teglia, quindi infarinatelo con un poco di farina 00 o in alternativa mettete la carta da forno e versate l’impasto della torta di carote e noci vegan, spolverizzate la torta con un po’ di zucchero di canna per caramellare un po’, e infornate per 30 minuti, trascorsi i quali fare la prova dello stuzzicadenti.

Togliete dal forno e lasciate raffreddare un’oretta prima di servire, ma anche dopo una giornata sarà sempre buonissima e morbida.

Print Friendly
0