Risotto con sciopetin e funghi shiitake

Ecco la ricetta per un piatto primaverile dai sapori delicati, perfetto da gustare in questo breve periodo di erbe spontanee

Risotto vegano con sciopetin e funghi shiitake

Eccomi con una ricetta tutta primaverile e soprattutto da sperimentare in questo breve periodo di erbe spontanee, il risotto con sciopetin e funghi shiitake. Mi sono trasferita in Veneto da qualche mese e il mio contadino di fiducia mi ha dato queste erbe spontanee da provare, le chiamano sciopetin ma il loro nome originale sarebbe silene. Sono erbe spontanee dal sapore delicato ottime per risotti o frittate, qui le utilizzano molto anche come ripieno per i ravioli insieme alle ortiche.

Ingredienti per 3 persone:

  •  5 pugni di riso
  • 12 bicchiere di vino rosso
  • 1/2 cipolla rossa
  • 1/2 dado vegetale
  • 30 g di sciopetin
  • 10 g di funghi shiitake disidratati (meglio ancora se li trovate freschi)
  • 1 cucchiaino di olio extravergine di oliva
  • sale q.b.
  • acqua q.b

Procedimento:

Tagliate finemente la cipolla e mettetela in una casseruola insieme all’olio, fate soffriggere e aggiungete il riso. Lasciatelo tostare qualche minuto, poi sfumate con il vino rosso. A tostatura ultimata, aggiungete acqua a coprire, il mezzo dado e i funghi disidratati.

Aggiungete anche gli sciopetin e continuate a mescolare, aggiungendo acqua al bisogno. Assaggiate e regolate di sale. Cuocete a fiamma bassa per il tempo indicato dal vostro riso.

Terminata la cottura potete mantecare con una noce di burro vegetale o un filo d’olio, ma se avrete utilizzato un buon riso non vi occorrerà aggiungere niente perché sarà già super cremoso!  Lasciate intiepidire e gustate.

 

Insieme

Con il 2021 ci piacerebbe continuare a produrre contenuti, informazione di alta qualità, ricette meravigliose e permettere a sempre più persone di acquisire maggiore consapevolezza su questi temi: possiamo farlo insieme, se vuoi.
Abbonandoti a Vegolosi MAG, la nostra rivista mensile digitale, potrai goderti ricette inedite e contenuti giornalistici di alta qualità e al tempo stesso sostenere Vegolosi.it. Iniziamo da qui.

Print Friendly
0