Pasqua vegana, la voce veg di Piacenza

Buona Pasqua vegana: 400 manifesti tappezzano città e provincia di Piacenza. L’immagine colpisce al cuore.

IMG_6265

Nonostante qualche tentativo di boicottaggio, da poco più di una settimana 400 manifesti tappezzano la città e la provincia di Piacenza.

Schermata 2016-03-22 a 15“L’immagine colpisce dritto al cuore e non può passare inosservata”, ha scritto la giornalista Patrizia Galeotti sul quotidiano locale “Libertà”. E ancora: “Il gruppo vegano attraverso queste immagini vuole dunque sensibilizzare e chiedersi se nel nome di una tradizione è eticamente corretto infliggere sofferenza a Pasqua, una festa che dovrebbe essere di pace e celebrare la vita. E’ la seconda volta che il gruppo vegano di Piacenza fa sentire la sua voce per chi non può parlare.”

IMG_6264La Pasqua sarà davvero “buona” solo se si elimina la crudele usanza di ammazzare i giovani agnellini, in nome di una “tradizione” che viene travisata e perpetrata per esclusivi fini commerciali.

Gli sforzi del gruppo vegano per informare i piacentini non hanno nessun interesse economico, non si vende niente.

A proprie spese, le persone che ne fanno parte lo fanno per rispetto di tutte le altre forme di vita animali, della natura e sostenibilità del pianeta, della salute degli altri umani.

Questa campagna è promossa da agireora.org e anche in altre città ci sono stati problemi: a Olbia, in Sardegna, nella “tana del lupo”, qualcuno non ha gradito i manifesti che da un paio di anni a questa parte i ragazzi di VegOlbia fanno circolare nel periodo di Pasqua e li ha staccati. A Piacenza, per tutta risposta, invece, in questi giorni su un quotidiano locale online, è uscito un articolo dal titolo: “Confagri Donna lancia un progetto di educazione alimentare anti dieta vegana”.

Print Friendly
0