Catania, città vegan

La Sicilia è sempre più vegan. E’ quanto emerge dalle attività cruelty free sempre più numerose sull’isola, soprattutto a Catania.

catania-rsz

Catania, guida della grande isola mediterranea, sembra dare un colpo di coda e avanzare fieramente verso quello che viene definito da molti osservatori  del settore un salto evolutivo vero e proprio.

La Sicilia Orientale, dunque, è il vero traino effettivo di questo cambiamento con Catania in testa che a pieno titolo può essere definita la “Regina Vegan” delle nove provincie sicule. La città metropolitana, che conta 1.120.000 abitanti, è una vera fucina di eventi vegan e la popolazione risponde sempre con più entusiasmo e consapevolezza.

Un dato questo che fa riflettere soprattutto le organizzazioni di settore, una fra tutte “Veg Sicilia – Associazione Vegetariani e Vegani Siciliani” che opera nel  catanese e dintorni e di cui faccio parte. Dalle attività che svogliamo noto che la maggioranza delle  persone è come se fosse addormentata. Quando assistono ai nostri incontri, ai nostri corsi di cucina e ultimamente al dibattito scientifico col dottor Vasco Merciadri , rimangono come folgorati, increduli e alla fine indignati . Eh sì, perchè alla fine si indignano e si chiedono perché mai certe cose non le hanno sapute prima dalle fonti cosiddette “nazionali, ufficiali”. Questo a noi di Veg Sicilia dà molto da pensare perché ogni volta ci disegna un quadro scoraggiante da un lato ma stimolante dall’altro. Dall’entusiasmo dei nostri associati e da chi viene a trovarci, dal loro incoraggiamento abbiamo conferma ogni giorno di essere sulla strada giusta e passo dopo passo con costanza e non senza difficoltà seminiamo e coinvolgiamo altre associazioni e realtà affini alla nostra e…. tanta ma tanta gente che ha voglia di conoscere e di sapere.

Rete Virtuosa

Si crea dunque una rete virtuosa autoctona:  biologico, vegano ma anche vegetariano  perché siamo dell’idea che il cambiamento deve essere proposto e non imposto. Il confronto propositivo è alla base di tutto.

L’obiettivo è rendere fruibile a tutti la conoscenza dell’altra verità, della verità omessa, della verità osteggiata. E’ quello della promozione del cibo sano, del km 0, del biologico. E’ quello del rispetto per gli animali. E’ quello del rispetto per l’ambiente, in primis di quello in cui si vive. Se ognuno di noi avesse cura del proprio spazio il mondo sarebbe pulito.

Catania consapevole e al passo con le maggiori città d’Italia e d’Europa

In conclusione Catania come un vero e proprio “propulsore veg”. Nelle altre provincie, incoraggiate dall’esempio catanese, stanno nascendo attività ricettive vegan e vegan friendly . Un movimento che sembra accelerare ogni giorno che passa e che fa della Sicilia un’isola sempre più green al passo con i tempi, più consapevole di quanto si possa credere, che lotta per la salvaguardia degli animali, dell’ambiente e della salute umana.

Oggi è possibile fare un soggiorno vegan in Sicilia. E’ più facile trovare ristoranti, fast food, strutture ricettive. E’ possibile non doversi barcamenare, come spesso capita ai vegani di tutta Italia, tra la solita insalata e le verdure grigliate da vegani sfigati.

Era ora, la Sicilia c’è.

Print Friendly
0
Mostra commenti (0)