Pubblicità vegan gigantesca in una stazione della metro di Londra

Potenzialmente, saranno centinaia di migliaia le persone che la leggeranno mentre passano attraverso la stazione di Waterloo

Quella di Waterloo è la stazione della metropolitana più frequentata di Londra. Aperta nel 1848 tra il 1° aprile 2017 e il 31 marzo 2018, secondo i dati dell’Office of Rail and Road (ORR), la stazione ha visto transitare più di 94 milioni di passeggeri. Certamente un posto strategico nel quale porre una pubblicità.

Deve averlo pensato anche il capo di Oatly, azienda londinese che produce latte di avena e prodotti vegani (come gelati e creme). Tony Petersson infatti ha deciso che il cartellone, gigantesco, che recita “Forza, mangia vegano”, doveva troneggiare proprio lì, all’ingresso della stazione, sopra i tornelli che permettono l’ingresso alle banchine dei treni. Non è chiaro per quanto tempo il cartellone farà bella mostra di sé ma le sue imponenti dimensioni hanno già fatto il giro del web in moltissime foto scattate dai passeggeri della metro londinese.

Anche Tobias Leenaert, scrittore, attivista e autore del blog The vegan strategist che propone soluzioni e riflessioni sul tema del come rendere più efficace la comunicazione sui temi vegani, ha fatto un commento sul cartellone, apprezzandone molto il concetto:

Preferisco di molto il concetto di “mangia vegano” piuttosto che “diventa vegano”, come slogan. Evita l’idea che tu debba cambiare la tua identità.

L’azienda inglese produttrice di latte d’avena e il suo amministratore delegato non sono affatto dei principianti in fatto di campagne marketing. Il primo spot pensato per promuovere i loro prodotti, vide proprio il Ceo Tony Petersson cantare una canzone in mezzo ad un campo di avena con una pianola. Il testo recitava: “Oh, wow! No cow!“. Musica orecchiabile e faccia simpatica hanno fatto il resto. La seconda iniziativa famosa, vide un delizioso camioncino dei gelati in stile cartoon, girare per alcune strade di Londra distribuendo ai passanti gelati vegan realizzati con il latte d’avena.

Print Friendly
0