Pediatra Piermarini: “Svezzamento vegan? È raccomandabile”

Lucio Piermarini Pediatra

La rivista “Un Pediatra per Amico”, l’unico giornale per i genitori scritto dai pediatri di famiglia, ha creato uno speciale incentrato sull’alimentazione vegetariana. Si parla quindi di allattamento, svezzamento e di salute dei minori per i quali i genitori optano per l’alimentazione priva di carne e dei suoi derivati. Vegolosi ha raggiunto il dottor Lucio Piermarini che ha affiancato il dottor Costantino Pansa nella stesura di questo speciale. A lui abbiamo chiesto se si può fare, come, ma soprattutto se i bambini subiscono delle conseguenze da una vita iniziata senza prodotti animali o comunque di derivazione animale. L’unica accortezza, ci spiega Piermarini, è che ci sia «sufficiente varietà, caratteristica importante per qualunque tipo di alimentazione, anche quella onnivora. Ci deve essere un rapporto equilibrato tra i vari tipi di alimenti, considerato ciascuno in base alle sue caratteristiche nutrizionali». Per il bambino più che per l’adulto, insomma, è necessario avere un’alimentazione varia, che includa molti alimenti e, soprattutto, ogni nutriente, nelle giuste quantità.

A questo scopo, il dottor Piermarini propone un’idea di cui è fermamente convinto: il ruolo più importante spetta ai genitori, i quali sin da subito vengono visti dai neonati come “modello”. Di conseguenza se i genitori sono vegetariani, anche i figli lo saranno perché la vivranno come una condizione naturale. La cosa su cui bisogna interrogarsi, quindi, non è tanto l’utilità di un’alimentazione cruelty-free nei primi anni di vita dei bambini e le sue possibili conseguenze sulla crescita quanto, piuttosto, la buona alimentazione anche da grandi, proprio perché dai grandi prendono spunto i più piccoli. Posto che l’alimentazione veg, con i dovuti bilanciamenti e le dovute accortezze, è sana, lo è anche per i bimbi, e questo la scienza lo sostiene da anni. «L’alimentazione vegetariana viene considerata idonea in qualsiasi fase della vita, nel bambino, nell’adolescente, nella donna in dolce attesa, nella donna che allatta, nell’anziano – dice Piermarini – Non occorre alcuna accortezza se non quelle che occorrono per tutti».

“Un pediatra per amico” ha realizzato anche uno speciale sullo svezzamento

Print Friendly
0