Mirco Bergamasco: “Sono vegan consapevole, non tornerei indietro”

mirco Bergamasco vegan

Lui è il rugbista più famoso d’Italia, lei è la sua bellissima moglie. Lui è un ragazzone di un metro e ottanta, riccioli biondi, spalle possenti e fisico tonico (ci sono aggettivi più forti di questo?), lei ha il fascino delle sue origini franco-iraniane impresso nei suoi lineamenti ed è un’imprenditrice estrosa e intraprendente. Mirco Bergamasco e Ati Safavi sono una coppia splendida, e sono vegani. Vegolosi.it li ha intervistati per raccontare la loro storia che intreccia amore, cibo, sport e ristorazione. Il tutto con un retrogusto cosmopolita, tra di loro parlano in francese e uniscono due mondi che dal punto di vista culinario hanno forse poco in comune, ma che porta a una sola conclusione: l’amore per gli animali e per la buona tavola, nella sua declinazione vegana. Non solo evitano qualsiasi cibo di origine animale, ma conoscono alla perfezione proprietà nutritive e ingredienti di quel che mangiano. Hanno trovato un punto d’incontro nell’alimentazione vegana scelta in maniera consapevole, e ne sono soddisfatti nonché fieri sostenitori.

Mirco ci racconta di essere vegano da due anni, «un processo lungo durato tre anni», concluso quando ha capito «come avere un’alimentazione completa con questo stile di vita». Ati, invece, vegana lo è da sempre: «Poi ho conosciuto Mirco», dice, e lo ha reso partecipe del suo mondo. Sportivi e vegani si può: «La prestazione, la concentrazione, le parti fisiche miglioravano – dice il rugbista – e ho continuato a scemare sempre di più gli alimenti di origine animale. Ho constatato su di me che questo connubio è possibile e non tornerei indietro, non ne ho bisogno. La mia alimentazione è molto più varia adesso che prima». Sono convinti e soddisfatti di quello che mangiano e del loro nuovo stile di vita al punto che hanno deciso di intraprendere un’attività imprenditoriale rigorosamente veg: nel pieno centro di Padova, città natale di Mirco, hanno aperto un locale, il Doody’z, in cui è possibile mangiare cibo bio e privo di ingredienti di origine animale. Spesso dietro il bancone ci sono proprio loro, Mirco e Ati, che giorno dopo giorno scrivono nuovi dolcissimi capitoli della loro storia fatta di amore e cibo sano (o volete criticare un piatto di quinoa servito direttamente dalle mani di questo ragazzone finito più e più volte tra i Dieux Du Stade?).

Domenico D’Alessandro

 

Intervista: Federica Giordani e Domenico D’Alessandro
Riprese e montaggio: Federica Giordani

Print Friendly
0