L’Oceano Pacifico muore: il racconto shock di un marinaio

Un lungo viaggio e una amara constatazione: lo stato di salute dell’Oceano Pacifico è grave, anzi gravissimo. E la colpa?

Oceano morto
Dopo quella al The Newcastle Herald, Macfadyen non ha più voluto rilasciare interviste, augurandosi solo di aver regalato una consapevolezza in più al mondo. Ivan Macfadyen è marinaio australiano e il suo racconto sul tragico destino a cui l’Oceano Pacifico è condannato sta facendo il giro del mondo.
Il marinaio ha effettuato a distanza di dieci anni due traversate del Pacifico constatando con rammarico la velocità di un processo di desertificazione che non conosce ostacoli: se una decade fa, tra l’Australia e il Giappone, era sufficiente affacciarsi dai parapetti della propria imbarcazione per vedere tanta fauna marina: delfini, balene e tartarughe facevano capolino e accompagnavano le barche nei loro viaggi. Oggi la situazione è mutata: in peggio. Ora l’oceano è vuoto e non è solo Macfadyen a farlo presente. Qualche mese fa infatti anche il capitano Paul Watson, papà dell’associazione Sea Shepherd, aveva lanciato l’allarme: nel 2048 gli oceani saranno vuoti.
MacfadyenIl marinaio australiano ha percorso tremila miglia nautiche: un percorso da sogno sulla rotta Melbourne-Osaka-San Francisco a bordo del Funnel Web con il suo equipaggio per ammirare però desolanti scenari: creature marine morte e rigettate in mare, rottami dal Giappone alla California a causa dello tsunami del 2011, rifiuti di plastica ovunque. Macfadyen ha anche raccolto dei campioni destinati ad essere esaminati al fine di verificarne la radioattività e ha compilato, durante il viaggio, questionari periodici per rispondere alle richieste provenienti dal mondo accademico statunitense. “Nelle acque del Giappone il Funnel Web ha perso il suo colore giallo brillante – ha scritto Macfadyen – e uno dei pochi esseri viventi che ho incontrato era una balena in fin di vita con un tumore al capo”.
“Il mare è senza strade, il mare è senza spiegazioni” scriveva Baricco nel suo “Oceano Mare” nel 1993, ma ora sta a noi trovarle, sta a noi avvicinarci all’Oceano Pacifico e capire che uno dei motivi principali di questa ecatombe è la pesca intensiva e non più sostenibile, così come il tasso sempre più alto di inquinamento da plastica che uccide senza pietà la fauna . “Una goccia strappata dall’oceano perisce inutilmente. Se rimane parte dell’oceano, ne condivide la gloria di sorreggere una flotta di poderose navi”. La citazione, attribuita a Gandhi, suona come una profezia.
 
Yuri Benaglio

Insieme

Abbonarsi a Vegolosi MAG, la nostra rivista mensile digitale, ti permetterà di goderti ricette inedite, contenuti giornalistici di alta qualità e al tempo stesso sostenere Vegolosi.it e il lavoro facciamo ogni giorno per permettere a sempre più persone di acquisire maggiore consapevolezzaSe vuoi, puoi farlo da qui.

***

Non ora ma ricordamelo!

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica qui sotto e ti invieremo un massimo di due email, nei prossimi 30 giorni.

Print Friendly
0