Liam Hemsworth vegan: “Fa bene a tutta la mia vita”

Liam Hemsworth

Guardate bene questo ragazzone biondo alto 1,92 metri, occhio chiaro, barbetta incolta, fisico statuario, sguardo che trafigge i cuori. Se non siete appassionati della saga cinematografica di “Hunger Games” non vi dice nulla, se invece non vi siete persi un episodio sapete bene di chi si tratta (e probabilmente vi siete già perse nei suoi occhi, lo sappiamo, non nascondetevi). Parliamo di Liam Hemsworth, uno degli attori più apprezzati e popolari della nuova generazione hollywoodiana: anche lui ha deciso di optare per un regime alimentare vegano. Lo ha fatto per salute, ha dichiarato a Men’s Health, ma anche perché «dopo tutte le informazioni che ho raccolto a proposito del maltrattamento degli animali da allevamento, non potevo assolutamente continuare a mangiare carne». Un nutrizionista, vedendo gli esiti delle sue analisi del sangue, gli consigliò di aumentare l’apporto di carne rossa ma lui non riusciva a sopportare questo tipo di alimentazione e perciò «dopo tutte le cose di cui ero venuto a conoscenza e il fatto che mi sentivo male proprio fisicamente, mi sono sentito in dovere di fare qualcosa di diverso e ho adottato uno stile di vita vegano».

Chissà che ad aiutare Liam in questa scelta non sia intervenuta anche Miley Cyrus, sua fidanzata storica tra il 2009 e il 2013 nonché notoriamente vegana. A quei tempi le due star – ancora emergenti – diedero spessissimo da scrivere alle riviste di gossip. Si capiva che entrambi, prima o poi, sarebbero “esplosi”, e questo è puntualmente successo: per lei, con i suoi singoli di successo; per lui, con “Hunger Games”. Nella saga, Liam è apparso nel primo film, poi in “La ragazza di fuoco” e in entrambe le parti de “Il canto della rivolta”. Questo è bastato a rendere planetaria la sua fama: nato nel 1990 (respirate, forza! In fondo gli anni Novanta non sono stati poi così male) a Melbourne, ha deciso di intraprendere prestissimo la stessa strada dei fratelli Luke e Chris, anche loro attori (e anche loro non proprio bruttissimi, sapete, in Australia si respira aria buona).

Dicevamo, comunque. Liam oggi è vegano da circa sei mesi. Lui racconta che la sua vita è migliorata e che pure le analisi che tanto lo avevano preoccupato in passato sono in via di miglioramento. E lui un nesso tra le due cose lo vede e lo esalta. Anzi, allarga il discorso a tutte le altre sfere della vita: «Mi sento semplicemente meglio, mentalmente e fisicamente – dice – Adoro sentirmi così: ho quasi l’impressione che abbia un effetto domino su tutto il resto della mia vita». Guarda, Liam: così, “per non saper né leggere né scrivere”, ti crediamo eccome.

Print Friendly
0