Farina di vino: arriva dall’America questo piccolo prodigio culinario

Eco-friendly e ricca di nutrienti, è utilizzabile praticamente in ogni ricetta: ecco cos’è e dove comprare la farina di vino

farina di vino

Dopo la pelle vegana fatta con le vinacce, è tempo di parlare di farina di vino: ottenuta dalla lavorazione degli scarti di produzione del vino e per questo assolutamente eco-friendly, è prodotta attualmente da una manciata di aziende americane tra le quali anche Sustainable Viticulture Systems, di proprietà della giovane imprenditrice Hilary Niver-Johnson. Incredibile a dirsi, la farina di vino – chiamata Finger Lakes Wine Flour – è prodotta artigianalmente partendo da semi e vinacce, selezionati manualmente, fatti essiccare al sole e macinati a pietra finemente, quando normalmente verrebbero compostati.

Questo prodotto rivoluzionario, a quanto pare, è destinato a diventare un vero e proprio must in cucina: secondo i produttori, infatti, la farina di vino è ricca di vitamine, antiossidanti e minerali e, ogni cucchiaio da tavola, aggiunge alle varie preparazioni ben due grammi di proteine ​​e tre grammi di fibra. Essendo un prodotto ottenuto solo da scarti vegetali, questa farina è ovviamente adatta a vegetariani e vegani, ma anche alle persone intolleranti al glutine

Farina di vinoIntesa principalmente come farina supplementare e non come sostitutiva di altre, la farina di vino può essere impiegata per preparare dolci come torte, muffin o pancakes, ai quali regalerà un intenso (e bellissimo!) color vinaccia; in linea generale, comunque, può essere impiegata in qualsiasi ricetta – dolce e salata – a cui si intenda regalare un tocco di colore e sapore in più. Attualmente esistono 8 varietà diverse di farina di vino, prodotte partendo da scarti di lavorazioni di uve differenti. Ma com’è nata questa idea? “Inizialmente volevo ottenere del bio-diesel dall’olio dei semi di uva, ma poi ho capito che lo scarto maggiore delle vinacce era ricchissimo di proprietà e veniva tradizionalmente gettato via” ha raccontato la ragazza, che inizialmente ricavava le vinacce dagli agricoltori dell’area newyorkese dove poi ha impiantato la sua azienda: “Facevo loro un favore, liberandoli degli scarti!”, ha detto. Acquistabile online sullo shop Etsy dell’azienda, la farina di vino promette grandi cose, anche e soprattutto sperimentando con gli abbinamenti vino-cibo: ora che sappiamo cos’è il vino vegano e come riconoscerlo, niente ci può fermare!

Crediti foto: http://whatsgoodithaca.com

Pelle vegana a base di scarti del vino: l’idea italiana

Regala una gift card Amazon
Print Friendly
Mostra commenti (0)