“Distrutto il 50% degli ecosistemi”: un libro ci spiega come e perchè

I cambiamenti climatici sono un problema per l’mbiente, ma minacciano anche la pace tra i popoli; questo libro ci spiega perché

effetto serra effetto guerra

E se “effetto serra” facesse rima con “guerra”? È questa la prospettiva analizzata nel saggio “Effetto serra, effetto guerra“, scritto a quattro mani dal diplomatico italiano Grammenos Mastrojeni e dal fisico climatologo del Cnr Antonello Pasini. Attraverso l’analisi attenta dei fenomeni responsabili dei cambiamenti climatici, gli autori lanciano un appello ad aprire gli occhi, ad agire concretamente prima che la situazione giunga al famigerato punto di non ritorno.

effetto serra effetto guerra

Il volume guarda ai cambiamenti climatici non solo nell’ottica della salvaguardia ambientale fine a se stessa, ma anche dal punto di vista delle loro ripercussioni sulla società e l’economia: un clima “impazzito” potrebbe scatenare (o in realtà già è così) migrazioni di massa, conflitti sanguinosi e problemi sanitari senza precedenti. Pensiamo a un mondo dilaniato dalla desertificazione, dalla scarsità di risorse idriche e dalla mancanza di territori coltivabili: come si può pensare a una situazione di pace, quando l’umanità deve lottare per accaparrarsi l’essenziale per vivere?

Siamo riusciti a cancellare totalmente più del 50% degli ecosistemi terrestri

Certo, la mano dell’uomo ha giocato un ruolo fondamentale in tutto questo: “Il nostro pianeta ha 46 miliardi di anni. – scrivono gli autori – Riducendoli a 46 anni, l’uomo è apparso solo 4 ore fa e la rivoluzione industriale è iniziata da un minuto, ma in questo tempo siamo riusciti a cancellare totalmente più del 50% degli ecosistemi terrestri e a modificare tutto il resto, lasciando intatto solo il 3% degli ecosistemi emersi originari”. Le conseguenze delle nostre azioni sono disparate, si va dallo scioglimento dei ghiacci del Polo Nord fino a fenomeni atmosferici anomali e del tutto fuori stagione. Quello che è certo, però, è che è in questo quadro generale che si colloca la minaccia di un effetto serra destinato a trasformarsi in guerra.

Mastrojeni e Pasini hanno dato vita a una lettura interessante per approfondire attraverso dati, esempi concreti e testimonianze dirette di “migranti climatici” temi complessi e di rilevanza sociale, sottolineando infine come tutti i paesi ricchi abbiano una doppia responsabilità nei confronti del cambiamento climatico: da una parte, adattarsi al cambiamento stesso; dall’altra, fare tutto il possibile per mitigare le emissioni. Per fermare il degrado del cambiamento climatico e ambire a un “effetto pace” di cui il nostro mondo avrebbe tanto bisogno, oggi più che mai.

Effetto serra, effetto guerra
di Grammenos Mastrojeni e Antonello Pasini
Chiarelettere
165 pagine
€ 15,00

Print Friendly
Mostra commenti (0)