Lychees: tutto quello che c’è da sapere sulla “ciliegia della Cina”

I lychees sono chiamati anche uva cinese o ciliegie cinesi. In cucina possono essere utilizzati in molti modi per il loro sapore delicato e la polpa morbida

Lychees

I lychees (o litchi, conosciuti anche come “uva del deserto” o “ciliegia della Cina”) sono il frutto di una pianta tropicale della famiglia delle Sapindacee, originaria del sud-est asiatico e della Cina meridionale. Grandi poco più di ciliegie, questi frutti hanno una scorza (non commestibile) dal colore rosa-violaceo, soda e rugosa, e una polpa chiara e molto dolce il cui sapore ricorda quello dell’uva ma con delle note fruttate.

Dove si comprano

I litchi freschi sono reperibili ormai facilmente anche in Italia nella grande distribuzione, nel reparto ortofrutta. Il periodo migliore per gustarli va da novembre a gennaio, con un picco anche nel mese di aprile. Questi frutti, però, sono spesso venduti anche sciroppati, canditi ed essiccati, in questo caso nei negozi che vendono prodotti alimentari asiatici.

Come si mangiano

Per prima cosa è bene scegliere frutti che abbiano raggiunto il giusto grado di maturazione, che si riconoscono per via della buccia di un colore rosso-viola acceso, che deve essere soda e priva di ammaccature; macchie marroni o eccessiva morbidezza sono invece indice di frutti troppo maturi mentre, al contrario, una buccia dal colore verde-giallastro indica lychees acerbi, decisamente poco saporiti.

La buccia dei litchis non è commestibile: per sbucciarli è sufficiente praticare una piccola incisione sulla scorza aiutandosi con un coltello, eliminandola poi con le mani; una breve bollitura preliminare può contribuire a facilitare ulteriormente questa operazione. È bene prestare sempre attenzione al seme interno al frutto, particolarmente grosso, che può rappresentare un rischio di soffocamento nei bambini.

Usi in cucina

lychees

I litchi vengono utilizzati prevalentemente freschi, tal quali, ma grazie al loro sapore delicato e particolare,  sono adatti anche a essere aggiunti in numerose ricette: sono infatti un ottimo ingrediente per preparare macedonie, cocktail, sorbetti, liquori e confetture.

Proprietà, valori nutrizionali e controindicazioni

I lychees contengono molta vitamina C: secondo le tabelle Crea 100 grammi di frutta ne apportano in media 49 mg: nove lychees basterebbero per soddisfare il fabbisogno quotidiano di vitamina C di un uomo adulto. Inoltre, sono un frutto poco calorico (100 grammi apportano solo 70 kcal) e sono un’ottima fonte di rame, fosforo e potassio. Come molti altri frutti hanno pochi grassi, poco sodio e sono completamente privi di colesterolo.

Questi frutti sono considerati benefici per l’organismo e da secoli rappresentano un rimedio naturale secondo i dettami della medicina cinese. I lychees hanno proprietà digestive e antinfiammatorie, e grazie al loro elevato contenuto di vitamina C sono ideali in caso di raffreddore o influenza. Sono considerati anche dei potenti antiossidanti in grado di contrastare l’effetto dei radicali liberi oltre che un rimedio naturale contro il mal di testa. Questi frutti non hanno controindicazioni particolari, ma secondo la medicina cinese un consumo eccessivo di questi frutti può portare a eruzioni cutanee.

Curiosità

La leggenda narra che un guerriero cinese, dopo aver sconfitto un drago mostruoso, decise di strappargli gli occhi e lanciarli a terra. Sarebbero stati proprio gli occhi del drago a far nascere una pianta, come se fossero dei semi, dando vita ai lychees.

 

Insieme

Abbonarsi a Vegolosi MAG, la nostra rivista mensile digitale, ti permetterà di goderti ricette inedite, contenuti giornalistici di alta qualità e al tempo stesso sostenere Vegolosi.it e il lavoro facciamo ogni giorno per permettere a sempre più persone di acquisire maggiore consapevolezzaSe vuoi, puoi farlo da qui.

***

Non ora ma ricordamelo!

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica qui sotto e ti invieremo un massimo di due email, nei prossimi 30 giorni.

Print Friendly

Le altre ricette video

0