Castagne

Castagne

Le castagne arrostite, o caldarroste, non possono davvero mancare nelle fiere e nei mercatini di fine autunno-inizio inverno. Il frutto castanea sativa (nome botanico di questa prelibatezza) ci viene regalato tra agosto e novembre dall’albero di castagno, una pianta di certo presente in area mediterranea da più di 10.000 anni, della famiglia delle fagacee, che può raggiungere anche i 25-30 metri di altezza e che in Italia cresce tra i 200 e i 300 m e tra gli 800 e i 900 m di altitudine. Insieme a olivo e quercia, questo è sicuramente uno degli alberi più caratteristici del nostro territorio.

Curiosità
Le castagne erano ben note e utilizzate sia dai Greci, sia dai Romani: diversi autori le descrivono nei loro trattati e ne esaltano le proprietà. Il medico Ippocrate ne segnalava il valore lassativo e astringente. Varrone, ad esempio, ricorda che questi frutti venivano venduti nei mercati della Via Sacra a Roma e che, come l’uva, erano offerti in dono dai giovani innamorati alle proprie amate. Plinio il Vecchio, nella sua Naturalis Historia, riporta i primi cenni alle caldarroste e alla farina di castagne e descrive alcune varietà del frutto a seconda della zona di provenienza.
Nella cultura contadina, le castagne sono note come “pane di montagna” o come “il cereale che cresce sull’albero” poiché, fino a qualche decennio fa, erano alla base dell’alimentazione di gran parte della popolazione rurale del nostro Paese.

Proprietà
Le castagne secche sono nutrienti quasi quanto il frumento: contengono il 59 per cento di amido, il 4,7 per cento di proteine , il 3 per cento di grassi, vitamine B1, B2, PP e C ed elementi minerali tra cui calcio, ferro e potassio. Anticamente erano considerate utili per curare la febbre, la tosse e per prevenire la peste; addirittura erano attribuiti a questi frutti poteri afrodisiaci. La medicina attuale sottolinea il valore energetico delle castagne e le proprietà rimineralizzanti e tonicizzanti, particolarmente utili per chi pratica attività sportiva.

Come gustare le castagne
Naturalmente ottime se arrostite sul fuoco, le castagne possono anche essere bollite o macinate (dopo essere state essiccate) e consumate sotto forma di pane o focacce.

Per i vegolosi che associano il profumo dei primi freddi a quello di caldarroste “a portar via” e per quelli che vogliono fare una scorpacciata di minerali.

Print Friendly

Le altre ricette video

0
Mostra commenti (0)