Caffè verde: tutto quello che c’è da sapere

Perché è verde? Dove si compra? E, soprattutto, è vero che il caffè verde fa dimagrire?

caffè verdeIl caffè verde, spesso al centro dell’attenzione per i suoi presunti poteri dimagranti, non è altro che il caffè “classico” non ancora tostato, quindi solo trattato con il metodo del lavaggio o dell’essiccatura dei chicchi, che mantengono così il loro originario colore verde.

Proprietà

Non essendo stato sottoposto al processo di tostatura, il caffè verde mantiene molte proprietà che si perdono, invece, in quello classico che amiamo bere al bar. E’ molto ricco di antiossidanti (grazie alla presenza dell’acido clorogenico), di minerali, vitamine del gruppo B, acido tannico e polifenoli. Il caffè verde contiene meno caffeina del caffè tostato e per questo motivo il rilascio nell’organismo di quella presente risulta decisamente più lento e l’assorbimento più graduale. Il caffè verde favorisce, inoltre, la digestione.

Caffè verde per dimagrire?

E’ bene ricordare che le proprietà dimagranti che vengono spesso sbandierate come caratteristica principale di questa bevanda non hanno, al momento, fondamento scientifico, come ha affermato l’Efsa, l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare – European Food Safety Authority. Il caffè verde, pur essendo un attivatore del metabolismo per il suo contenuto di caffeina, come qualsiasi altro alimento da solo, se non associato a un’alimentazione sana e a uno stile di vita attivo, non è quindi responsabile di nessun tipo di perdita di peso.

Controindicazioni

Il caffè verde non ha particolari controindicazioni, se consumato con moderazione (in media fino a 3 tazze al giorno). Esattamente come per il normale caffè tostato è sconsigliato se si è sensibili agli effetti della caffeina, ad esempio se si soffre di colite, bruciore di stomaco o nausea (anche se il suo ph risulta comunque meno acido di quello del caffè tostato), così come alle donne in gravidanza e ai bambini.

Dove si compra?

Non è facile trovare nei normali negozi di alimentari il caffè verde, che potete acquistare più facilmente in erboristeria e nei negozio di prodotti biologici. Lo troverete sottoforma di chicchi o di polvere in bustine (come quelle del tè). La cosa migliore, però, è acquistare i chicchi per essere certi di assumere solo caffè verde, non mescolato ad altre sostanze. Il caffè verde si trova anche in abbinamento ad altri prodotti, per esempio al caffè classico oppure nel cioccolato. E’ facile trovare il caffè verde in capsule, sotto forma di integratori, molto spesso sponsorizzati come prodotti per il dimagrimento. In questo caso, è sempre bene consultare il proprio medico prima di iniziare ad assumere il prodotto.

Come usare il caffè verde

Se lo avete acquistato in chicchi, non dovete fare altro che prenderne un cucchiaio da minestra, macinarlo grossolanamente con un pestello e metterlo in infusione in acqua calda (almeno 80°) per 10 minuti. Più rimarrà in infusione, più sarà amaro, ma quello è il suo sapore caratteristico. Ricordatevi che potete zuccherare il caffè verde a piacere.

Insieme

Con il 2021 ci piacerebbe continuare a produrre contenuti, informazione di alta qualità, ricette meravigliose e permettere a sempre più persone di acquisire maggiore consapevolezza su questi temi: possiamo farlo insieme, se vuoi.
Abbonandoti a Vegolosi MAG, la nostra rivista mensile digitale, potrai goderti ricette inedite e contenuti giornalistici di alta qualità e al tempo stesso sostenere Vegolosi.it. Iniziamo da qui.

Print Friendly

Le altre ricette video

0