Vacanze vegane, come evitare di rimanere digiuni

In viaggio o in vacanza non è sempre facile riuscire a trovare il menu veg ideale: ecco qualche consiglio utile per evitare incidenti di percorso

vacanze vegane

Quando si è in giro per il mondo in viaggio per piacere o per lavoro non è sempre facile riuscire a trovare il piatto, il ristorante o il menu vegetariano o vegano che fa per noi ed evitare di rimanere digiuni. Anche se molti Paesi hanno una tradizione vegan consolidata e in molti altri la cucina vegetariana e vegana sta diventando sempre più popolare, complici le differenze linguistiche e culturali, organizzare il viaggio sotto il profilo alimentare può rivelarsi più complicato del previsto. Ecco allora qualche consiglio per prevenire piccoli incidenti di percorso e trasformare le proprie vacanze vegane in un vero e proprio viaggio, anche di gusto.

  • Prima di partire informatevi bene sulla abitudini alimentari locali: ovunque siate diretti, non sarà difficile scovare qualche piatto tipico privo di alimenti di origine animale. Conoscerne il nome vi caverà di impiccio quando sarete al ristorante e non saprete cosa ordinare.
  • “I’m vegetarian” o “I’m vegan” sono due ottime frasi passpartout in inglese che vi aiuteranno a chiarire le vostre preferenze alimentari. Un consiglio? Imparate a memoria come si dice “Io non mangio carne, pesce e formaggio” nella lingua del Paese che andrete a visitare. In questo modo, eviterete possibili fraintendimenti e la possibilità che di fronte al classico “Sono vegetariano” vi servano del pesce, per esempio.
  • Se volete andare sul sicuro e non perdere tempo una volta giunti a destinazione, segnatevi prima di partire gli indirizzi degli eventuali ristoranti vegetariani e vegani della vostra meta di viaggio. Oggi la maggior parte delle guide turistiche più importanti segnala ristoranti, bar e trattorie che servono piatti veg. Uno strumento utile è HappyCow.net, il sito consigliato anche dalla Peta che offre consigli e segnala strutture ricettive e posti nei quali poter mangiare vegetariano e vegano in oltre 60 Paesi del mondo (Italia compresa).
  • Nella lista delle cose da vedere durante il viaggio non dimenticatevi di inserire i mercati locali. Una passeggiata tra bancarelle e stand culinari è uno dei modi più divertenti e veri per calarsi nella realtà del Paese che si sta visitando, ma non solo. Lì troverete sicuramente più di un venditore di frutta e verdura: fate la spesa, se avete la possibilità di cucinarvi da soli, e sperimentate ortaggi e ingredienti locali. E ricordate: la frutta è lo snack salva pranzo migliore che potete avere con voi se proprio non riuscite a trovare nessuna alternativa vegan.
  • Rilassatevi e godetevi il momento. Quando si viaggia contrattempi e cambi di programma sono all’ordine del giorno, ma non permettete loro di rovinarvi la vacanza. Avere difficoltà a trovare alimenti e piatti adatti alle nostre esigenze non è certamente piacevole, ma con qualche accorgimento e un po’ di pazienza mangiare veg non risulterà impossibile, ovunque voi siate.

Silvia De Bernardin

Insieme

Abbonarsi a Vegolosi MAG, la nostra rivista mensile digitale, ti permetterà di goderti ricette inedite, contenuti giornalistici di alta qualità e al tempo stesso sostenere Vegolosi.it e il lavoro facciamo ogni giorno per permettere a sempre più persone di acquisire maggiore consapevolezzaSe vuoi, puoi farlo da qui.

***

Non ora ma ricordamelo!

Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica qui sotto e ti invieremo un massimo di due email, nei prossimi 30 giorni.

Print Friendly
0