Raviole vegane alla mostarda Bolognese

Raviole con mostarda bologneseUn biscotto ripieno simbolo della bolognesità: le raviole alla mostarda, che da queste parti è il mosto cotto. Tondeggianti, morbide dentro, buone da sole o in compagnia.. .eccole, nella mia versione veg! Questa ambiguità “di genere” tocca anche ai ravioli, uno dei simboli della tradizione gastronomica locale, che al maschile sono una pasta ripiena e al femminile diventano un biscotto, sempre ripieno ma ovviamente dolce. Le raviole, appunto, normalmente farcite con la mostarda fatta di mosto cotto ma che stanno benissimo anche con la crema, la marmellata o la cioccolata. Se capitate a Bologna cercatele nei forni e nei pastifici, stando però attenti a declinare bene il genere.

E siccome le raviole alla mostarda sono deliziose e non si fanno dir di no in qualsiasi momento della giornata, ho voluto provarle in versione veg, sfoderando la mia pasta frolla collaudata.

Ingredienti per circa 20 raviole

250 g di farina semi integrale di tipo 1
100 g di zucchero di canna raw
90 g di olio di semi di girasole bio
40 g di latte di riso
1 cucchiaino raso di sale fino
100 g di mostarda bolognese

Impastare gli ingredienti per formare la pasta frolla: la farina, lo zucchero, il sale, l’olio e infine il latte fino ad ottenere un composto morbido ma compatto. Impastare e quando la pasta sarà amalgamata riporla in frigorifero a riposare per almeno un’ora.

Stendere la pasta frolla sottile (4-5 mm) e ricavarne circa venti dischi aiutandosi con un bicchiere. Farcire i dischi ponendo al centro un cucchiaino di mostarda, dopo di ché chiuderli formando delle mezze lune e unire i bordi combacianti schiacciandoli con l’aiuto di una forchetta.

Infornare a forno preriscaldato a 140-150° per 25 minuti, controllando spesso la cottura: le raviole dovranno dorare ma non scurirsi e rimanere abbastanza morbide nella parte “cicciosa”. A cottura ultimata estrarle da forno, lasciarle raffreddare e cospargerle con zucchero a velo. Per una colazione, una merenda, o un fine pasto in tutta dolcezza.

Print Friendly
0
Mostra commenti (0)