The Chicken: il primo ristorante a Tel Aviv dove mangiare pollo “sintetico”

Sono dei filetti di pollo croccante creato in laboratorio i protagonisti del menù del nuovo ristorante israeliano aperto a Tel Aviv

A distanza di quasi tre anni dall’annuncio di voler creare carne di pollo sintetica, la startup israeliana SuperMeat ha mantenuto la promessa e festeggia la buona riuscita del progetto con The Chicken, il primo ristorante al mondo in cui si serve pollo coltivato in laboratorio.

Il nuovo ristorante, aperto da pochi giorni a Tel Aviv, prepara, a chi prenota un tavolo per l’assaggio, un vero pollo senza pollo: una carne realizzata a partire da cellule staminali animali ma senza la morte dell’animale. Il menù, al momento, oltre a qualche antipasto e dessert, offre solamente due tipologie di burger, entrambi con filetto di pollo croccante, coltivato in laboratorio. Un vero e proprio burger, quindi, con l’unica differenza che la carne nel panino è stata ottenuta senza danneggiare nessun animale.

Il ristorante, inoltre, dà la possibilità ai suoi clienti di assistere all’intera preparazione dei piatti che andranno a gustare. Infatti, il locale ospita anche il laboratorio, fatto a vetrate, dove ingegneri, biologi e tecnologi alimentari studiano per fornire al cliente un prodotto che sappia realmente di carne. Tutto questo in condizioni delle quali la start up israeliana garantisce un approccio sostenibile e cruelty-free.

Al momento, il pollo servito è in fase di test, per cui ai clienti non viene fatta pagare la consumazione dell’hamburger. Infatti, Supermeat ha l’obiettivo di raccogliere dai consumatori più pareri possibili affinché possa affinare i suoi metodi di preparazione.

Tel Aviv: città sempre più vegan

La città israeliana, con la fresca apertura di The Chicken, riconferma la sua vocazione vegan. Tel Aviv, infatti, con i suoi più di 400 locali che offrono alternative vegetali, è tra le 10 migliori città per viaggiatori vegani. Lo aveva annunciato nel 2017 il quotidiano britannico Independent con una lista delle città, tra cui anche Torino, in cui non è difficile trovare un locale con opzioni vegane. In realtà, è l’intera nazione israeliana ad essersi avvicinata da qualche anno a un modo di alimentarsi più vegetale: nel 2015, un’associazione vegana e animalista aveva stimato l’esistenza di 700 ristoranti ad Israele dove poter assaggiare cibo completamente vegano.

Insieme

Con il 2021 ci piacerebbe continuare a produrre contenuti, informazione di alta qualità, ricette meravigliose e permettere a sempre più persone di acquisire maggiore consapevolezza su questi temi: possiamo farlo insieme, se vuoi.
Abbonandoti a Vegolosi MAG, la nostra rivista mensile digitale, potrai goderti ricette inedite e contenuti giornalistici di alta qualità e al tempo stesso sostenere Vegolosi.it. Iniziamo da qui.

Print Friendly
0