A Milano il secondo asilo nido vegano. A chi li critica: “Venite a trovarci”

Inaugurato quattro anni fa, Naturà ha riscosso talmente tanto successo da aprire una seconda sede in città: ne abbiamo parlato con Federica, la fondatrice del progetto

Asilo nido vegano

Naturà, il primo asilo nido famiglia vegano di Milano, apre una nuova sede. Dopo la prima inaugurata nel novembre 2015, sta per aprire i battenti Naturà2, la seconda sede della struttura in città. Parliamo di un nido famiglia, che può accogliere un massimo di 5 bambini e che fa dell’attenzione per le tematiche ambientali e del rispetto per gli animali il fulcro del proprio metodo educativo: cucina 100% vegetale, arredi bio-ecologici, pannolini lavabili, detersivi fatti in casa, materiali poveri e oggetti di recupero anziché giocattoli già “fatti” sono la realtà di questo asilo, che ospita bambini vegani e non. Abbiamo parlato un po’ con Federica Berrobianchi, direttrice dell’asilo nonché fondatrice del progetto: ecco cosa ci ha raccontato.

In questi anni avete ricevuto diverse critiche: qual è stata, secondo te, la peggiore e come risponderesti?

Tante sono state le critiche e le cattiverie, nessuno si è risparmiato. Una fra le peggiori è stata l’accusa di essere “una setta” e di far crescere i bambini con problemi neuropsichatrici. A queste critiche vorrei rispondere innanzitutto dicendo che non è condizione indispensabile essere vegani per venire a Naturà: il nostro asilo è aperto a tutti, nel suo piccolo vuole smuovere le coscienze di grandi e piccini per promuovere consapevolezza. Inviterei i “critici” a conoscerci e a “testarci sul campo” per poi vedere con i loro occhi che i bimbi di Naturà sono sani, sorridenti e contenti!

Critiche a parte, Naturà sta aprendo la sua seconda sede a Milano: un bel traguardo

Abbiamo aperto un secondo nido per far sì che la nostra filosofia possa crescere insieme a tanti altri bimbi e alle loro famiglie: le iscrizioni erano molte ed essendo al completo in Naturà1, abbiamo deciso di aprire Naturà2. Avrei potuto scegliere di ingrandirmi trasformando Naturà in asilo nido “tradizionale”, ma ho deciso di aprire un secondo nido famiglia per poter garantire ai bimbi più attenzioni possibili.

Naturà asilo nido vegano Milano

Com’è stato scelto e formato il personale?

Empatia, voglia di fare, curiosità e professionalità sono caratteristiche che non devono mancare a chi lavori nel nostro asilo. La formazione poi non è mai abbastanza, soprattutto in ambito educativo; io stessa mi metto in gioco costantemente per non rimanere indietro, partecipando a corsi di formazione e lo stesso vale per le figure professionali che collaborano con noi. Naturà è convenzionato con diverse scuole di puericultura e università che ogni anno ci inviano studentesse che dopo averci conosciuto, diversi colloqui, la formazione e il tirocinio, possono entrare a far parte dello staff.

Qual è l’approccio di una grande città come Milano verso uno stile di vita vegan e cruelty-free?

Col passare del tempo si sta facendo sempre più attenzione alle tematiche del rispetto dell’ambiente. Credo che di strada ce ne sia ancora molta da fare, non si finisce mai di imparare e Naturà, nel suo piccolo, vuole contribuire!

Naturà asilo nido vegano Milano

Ci sono modelli internazionali ai quali vi siete ispirati per aprire il vostro asilo? Se sì, quali sono le principali differenze con l’Italia?

Durante l’università ho studiato pedagogia e molte teorie di grandi studiosi italiani e stranieri che hanno contribuito alla mia formazione. Non c’è un pensiero ispiratore unico, bisogna prendere il meglio dalle teorie pedagogiche affini al proprio modo di concepire l’educazione. Due grandi pensatori ai quali mi sono ispirata nell’organizzazione del nido, sia logistica che educativa, sicuramente sono Maria Montessori e Rudolf Steiner.

Print Friendly
0