Enrico Cremonesi: “Io musicista vegan, ne parlo con Fiorello e Celentano”

Il musicista, partner artistico di Fiorello, Celentano e Rita Pavone, chiacchiera della sua alimentazione e delle sue scelte di vita: “L’empatia conta”.

Senza dubbio lo avrete visto insieme a Fiorello: scattante, con tanti capelli neri raccolti e con una passione incredibile per la musica. Vegolosi.it ha incontrato Enrico Cremonesi, musicista fra i più talentuosi del panorama italiano. Enrico ha parlato con noi della sua scelta alimentare vegana.

Ci racconti come hai fatto questa scelta alimentare e di vita?

Ho fatto questa scelta per provare una alternativa, non è stato un cambiamento graduale ma immediato: da un giorno all’altro ho cambiato tipo di alimentazione. C’è voluto un po’ di tempo naturalmente per familiarizzare con il cibo vegano, per conoscerlo ed imparare a cucinarlo (non e’ assolutamente né strano né difficile). Devo dire che non ho mai sentito nostalgia del cibo che consumavo prima… soprattutto della carne. In questi anni poi c’è stata una diffusione abbastanza capillare di cibi di origine esclusivamente vegetale;questi prodotti erano un po’ più rari e difficili da trovare solo qualche anno fa ma ora in qualsiasi supermercato si può trovare tutto il necessario .

Esiste una correlazione fra la sensibilità artistica e la tua scelta alimentare?

Non penso che esista una stretta correlazione tra le due cose. Sarebbe come dire che chi mangia da carnivoro ha una sensibilità inferiore. Sinceramente quello che posso dire è che questo tipo di alimentazione soddisfa pienamente il mio corpo il quale ringrazia mantenendosi in perfetta salute.

Quanto conta l’empatia con l’altro nel tuo lavoro?

L’empatia conta moltissimo: per condividere ed esprimere emozioni occorre essere aperti, recettivi e generosi.

Hai lavorato con Celentano, Rita Pavone e sei uno dei migliori compagni artistici di Fiorello: ci sono state occasioni in cui hai avuto modo di confrontarti con loro sul tema alimentazione?

Si, certamente: ma non ostento mai il mio stile di vita e soprattutto non lo uso come metro di giudizio per le scelte altrui, quindi ci si confronta serenamente e ci si fa anche quattro risate insieme. Sono sempre contento di condividere la mia esperienza con chi è interessato a saperne di più ma non voglio convincere nessuno ad adottare uno stile di vita simile al mio.

Ami cucinare e sperimenti qualche piatto nuovo?

Sono molto curioso in generale quindi tutte le volte che trovo qualcosa di nuovo lo sperimento: gli ingredienti dei miei piatti sono sempre in “evoluzione”.

Print Friendly
0