Film

“What the Health”: arriva su Netflix, lo produce Joaquin Phoenix

Joaquin Phoenix produce un documentario che si preannuncia scomodo e scioccante quanto Cowspiracy: questa volta nel mirino l’industria della sanità e le sue menzogne

What the health, il secondo film dei creatori del pluripremiato documentario Cowspiracy, sarà disponibile dal 16 giugno su Netflix. Proprio così. Visibile finora a pagamento online, “il film che le organizzazioni della sanità non vogliono che tu veda”, prodotto da Joaquin Phoenix, sarà finalmente visibile sulla piattaforma streaming più famosa al mondo.

Il documentario racconta in maniera sorprendente e a tratti esilarante come la sanità negli Stati Uniti sia una vera e propria industria, influenzata da lobby e giochi di potere come qualsiasi altro mercato, a scapito della salute dei cittadini. Un esempio tra tanti: l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stabilito che alimenti quali bacon e salsicce sono cancerogene per l’uomo, ma l’American Cancer Society incoraggia senza problemi il consumo di tacchino e carne in scatola lavorata, cosa che peraltro aumenta del 51% il rischio di sviluppare il diabete.

L’argomento, complesso e scomodo, non è nuovo al mond0 del cinema dato che solo l’anno scorso era uscito Eating you alive, film prodotto da James Cameron, che analogamente esplorava il legame tra il cosiddetto “junk food” e patologie come cancro e diabete, mettendo in luce quanto una corretta informazione coadiuvata da una scelta alimentare oculata e consapevole potrebbero salvare migliaia e migliaia di vite nel mondo.

Come già Cowspiracy con Leonardo di Caprio, anche questa seconda fatica di Keegan Kuhn e Kip Andersen conta la collaborazione come produttore di un attore del calibro di Joaquin Phoenix, vegano da quando aveva tre anni, volto Peta, attivista per i diritti degli animali, e, per l’occasione, produttore esecutivo.

“Il rispetto per gli animali fa parte delle mia vita quotidiana. Quando vivi cercando di essere da esempio crei un certo livello di consapevolezza. Alcuni miei amici, persone con cui non ho mai discusso di vegetarianismo, hanno cominciato ad adottare abitudini vegetariane solo perché lo hanno visto fare“. Se basta così poco a far cambiare le persone, a volte serve invece una scossa definitiva per il raggiungimento di una piena consapevolezza e per stravolgere il pensiero comune. Questo film promette di farlo.

Mostra commenti (0)